Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
20 mag 2022

Salvini-Conte, torna l’amore (ma non durerà)

Le posizioni dei due leader sempre più vicine. Anche se la forza per far cadere Draghi non c’è e dovranno di nuovo dividersi

20 mag 2022
antonella coppari
Cronaca
featured image
Matteo Salvini salutato dai suoi senatori dopo l'intervento in Aula
featured image
Matteo Salvini salutato dai suoi senatori dopo l'intervento in Aula

"C’eravamo poi lasciati, non ricordo come fu". A dispetto della stranota canzone, i motivi della rottura del matrimonio gialloverde Giuseppe Conte li ricorda perfettamente. E se gli facesse difetto la memoria nel riavvolgere il film brutalmente interrotto il 7 agosto 2019 da Salvini al Papeete di Milano Marittima, ci pensano le divisioni odierne sulle concessioni balneari o sul termo-valorizzatore nella Capitale. Ma da qualche tempo alle ragioni che imposero il divorzio se ne sovrappongono altre che spingono alla riconciliazione. Che si possa arrivare a un ritorno di fiamma tra Lega e M5s è molto in forse, ma il tema è all’ordine del giorno nei palazzi della politica dove, a partire dall’elezione del presidente della Repubblica, incombe lo spettro di un nuovo asse tra i due. Ad unirli ora sono elementi concretissimi: la guerra, gli aiuti all’Ucraina, le armi. Conte ne ha fatto il suo campo d’azione, la partita nella quale si gioca la ridefinizione dell’identità del Movimento. Salvini arranca, sembra pensarla allo stesso modo, ma è meno battagliero, anche perché se i rapporti tra Conte e Draghi sono stati sempre pessimi, quelli tra il Capitano e Supermario sono buoni. Spinge meno, ma la posizione è simile. La conferma si è avuta ieri nel dibattito seguito all’informativa in Parlamento del premier, che pure ha cercato di volare basso nel sottolineare che si muove nel solco di una mozione approvata da tutti. "Quando qualcuno in quest’Aula rinnova l’invito a inviare altre armi, al massimo gli operai italiani tireranno la cinghia, io non ci sto", tuona Salvini. Replica a quanto detto prima da La Russa (Fd’I), ma il messaggio è chiaro. Come quello di Conte: "Sulle armi abbiamo già dato". Palazzo Chigi fa sapere che il premier non tornerà alle Camere per il Consiglio europeo straordinario di fine mese, ma se si arrivasse ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?