Roma, 30 maggio 2020 - Non solo via libera agli spostamenti tra regioni. Dal 3 giugno cadrà anche l'obbligo della quarantena di 14 giorni per i cittadini stranieri provenienti dai Paesi Schengen e dalla Gran Bretagna. E' questa l'indicazione contenuta nel dpcm in vigore. Per il resto dei cittadini europei l'obbligo di quarantena invece verrà meno dal 15 giugno.

Viaggi all'estero: la guida Paese per Paese

Intanto le compagnie Air France e Klm hanno annunciato che la settimana prossima riprenderanno i collegamenti verso l'Italia. Alla fine del mese saranno 78 i voli settimanali verso gli aeroporti di Roma, Milano, Venezia, Bologna, Firenze, Napoli e Bari.

A tenere banco, però, la decisione di alcuni Paesi, tra cui la Grecia, di non aprire le frontiere (almeno per il momento) ai turisti italiani. "In questi giorni ne ho sentite davvero tante sull'Italia. Non mi sembra il momento di fare polemiche, ma una cosa voglio dirla chiaramente: esigiamo rispetto. Se qualcuno pensa di trattarci come un lazzaretto allora sappia che non resteremo immobili", scrive in proposito su Facebook il ministro degli Esteri Luigi Di Maio. "Serve una risposta europea perché se si agisce in maniera diversa e scomposta viene meno lo spirito Ue. E crolla l'Europa", sottolinea ancora il capo della Farnesina.

Quindi Di Maio annuncia che sarà in missione in Germania il 5 giugno, in Slovenia il 6 e in Grecia il 9. "In questi incontri spiegherò ai miei colleghi che l'Italia dal 15 giugno è pronta a ricevere turisti stranieri e che agiremo con la massima trasparenza - spiega -. La situazione interna, tutti i dati sui contagi, saranno sempre pubblici. Non accettiamo black-list e non abbiamo nulla da nascondere, anzi. Abbiamo sempre agito con responsabilità e trasparenza e continueremo a farlo".