13 feb 2022

Parigi stoppa la marcia dei No pass E il Canada sgombera i camionisti

Si lavora per riaprire il principale ponte di collegamento con gli Stati Uniti. In Francia tafferugli e 50 arresti

giovanni serafini
Cronaca
La rabbia di un manifestante No pass sotto l’Arc de Triomphe a Parigi. Solo in poche centinaia hanno raggiunto i Campi Elisi
La rabbia di un manifestante No pass sotto l’Arc de Triomphe a Parigi. Solo in poche centinaia hanno raggiunto i Campi Elisi
La rabbia di un manifestante No pass sotto l’Arc de Triomphe a Parigi. Solo in poche centinaia hanno raggiunto i Campi Elisi

di Giovanni Serafini Volevano bloccare la Capitale con migliaia di automezzi provenienti da tutta la Francia, prendere possesso degli Champs-Elysées e dell’Arco di Trionfo, protestare sotto le finestre di Matignon e dell’Eliseo, per puntare poi verso Bruxelles: ma la tappa parigina del sedicente "convoglio della libertà" francese si è rivelata un mezzo fiasco. Niente "sabato nero" nella capitale. La marcia contro la "dittatura sanitaria", contro l’aumento della benzina e del gasolio, contro il rincaro della vita e in generale contro la politica di Emmanuel Macron, è stata bloccata dai blindati, dai lacrimogeni e da un muro di 7200 poliziotti che avevano l’ordine di "fare sul serio": non come nel 2018, quando rimasero inerti davanti all’assalto dei gilet gialli che espugnarono la città. Ci sono stati incidenti, ma di scarso rilievo. Tafferugli alle uscite del periphérique (la tangenziale), rapidamente sedati. Una cinquantina i militanti arrestati, fra cui Jerome Rodriguez, il leader dei gilet gialli che perse un occhio durante le manifestazioni di quattro anni. Diverse centinaia di multe per ""manifestazione non autorizzata". Privo di capi e direttive coordinate, il movimento nato in Francia sull’esempio del "Freedom Convoy" canadese non è riuscito a calamitare adesioni da parte dei cittadini. Ha dato tuttavia la dimostrazione del disagio e della rabbia esistenti, qui come a Ottawa e in alcuni paesi europei dall’Olanda al Belgio. Ieri la polizia canadese ha rimosso i blocchi dei camionisti che da cinque giorni impedivano il transito lungo l’Ambassador Bridge, il ponte che collega l’Ontario con il Michigan, da Windsor a Detroit. Domani dovrebbero confluire da diverse parti su Bruxelles manifestanti francesi ed europei. Secondo il ministero degli Interni francese erano più di 3 mila i veicoli -–automobili, camper, furgoni, trattori, camion – che si erano messi in movimento per confluire tutti insieme a Parigi venerdì sera. Hanno trovato ad attenderli uno ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?