Giovedì 30 Maggio 2024

Orsetto ucciso in Trentino: cucciolo di 7 mesi investito da pirata della strada

L'animale, del peso di circa 20 chili, sarebbe deceduto per un forte trauma cranico

Il cucciolo di orso investito e ucciso in Trentino

Il cucciolo di orso investito e ucciso in Trentino

Trento, 1 settembre 2022 - Orso bruno investito e ucciso in Trentino. Lo segnala la Provincia di Trento. La vittima è un cucciolo di circa 7 mesi, morto in seguito a un incidente stradale avvenuto nel corso della notte lungo la SS42, sotto l’abitato di Vermiglio.

L'orsa F43 è morta nella trappola tubo in val di Ledro. Che cosa è successo

Leggi anche: Juan Carrito, l'orso social e le scorribande: "Se continua ecco cosa potrebbe accadere"

Leggi anche: Juan Carrito, l'orso più famoso d'Abruzzo e l'incursione a Pizzoferrato

Orsetto lasciato al suo destino

L’animale - del peso di circa 20 chili - è probabilmente deceduto sul colpo a causa di un forte trauma cranico. La carcassa è stata segnalata questa mattina presto da un passante: sul posto è intervenuto il personale del Corpo forestale del Trentino con un’unità cinofila, oltre ai vigili del fuoco volontari di Vermiglio. È probabile che il nucleo coinvolto nell’incidente sia quello della femmina di orso accompagnata da 2 cuccioli presente stabilmente quest’anno in Alta Val di Sole. Come da prassi saranno condotti gli accertamenti veterinari e genetici.

Caccia al responsabile

Il dubbio degli addetti ai lavori è che l'intera famiglia di orsi possa essere rimasta coinvolta dall'incidente. Ed è caccia al responsabile. La morte sarebbe stata provocata dal trauma cranico. Come sempre, determinante la velocità.

Il precedente

Nella notte tra il 14 e il15 maggio un orso di due anni e mezzo era stato rinvenuto a bordo strada, ferito a seguito di un investimento lungo la strada statale 43 nel Comune di Campodenno (Trento), in Val di Non. L'animale era stato curato per una ventina di giorni nel centro faunistico del Casteller. Quindi, nella prima settimana di giugno era stato liberato e munito di radiocollare.

L'appello dell'Enpa: chi ha visto, parli

Ivana Sandri, presidente dell'Enpa Trentino, rivolge un appello ai cittadini: "Chi ha visto, parli. Abbiamo bisogno dell'aiuto dei cittadini, per salvare un progetto di valore inestimabile! Un altro cucciolo di orso investito e abbandonato a morire sulle strade del Trentino. Spiace vedere che una terra che si è saputa far conoscere per aver realizzato uno dei progetti di maggior successo a livello internazionale - la reintroduzione dell'orso, specie a rischio di estinzione - oggi debba assistere a comportamenti illeciti reiterati. Investire un selvatico rappresenta il più delle volte un incidente non voluto, che spesso incide profondamente nell'animo dei protagonisti, che si sentono partecipi della sofferenza dell'animale e si attivano per cercare soccorso. Lo sappiamo, perché una gran parte dei cittadini ricorre proprio a noi dell'Enpa, per capire a chi rivolgersi in queste situazioni di urgenza. Ma non sempre è così". Poi la presidente si chiede: "Incidente? Il dubbio c'è, perché chi investe involontariamente un animale si ferma, chiama i soccorsi, come dettato dal Codice della strada, non scappa come un ladro nella notte".