Luca Sacchi con la fidanzata, Anastasia Kylemnyk (Ansa/Facebook)
Luca Sacchi con la fidanzata, Anastasia Kylemnyk (Ansa/Facebook)

Roma, 1 dicembre 2019 - Gli inquirenti che indagano sull'omicidio di Luca Sacchi hanno sequestrato il cellulare di Anastasia Kylemnyk, la fidanzata del personal trainer ucciso con un colpo di pistola nella notte tra il 23 e il 24 ottobre scorso davanti al John Cabot, pub in zona Appio a Roma. Gli inquirenti vogliono analizzare i contatti che la ragazza ha avuto nelle ultime settimane, anche via chat, con l'obiettivo di risalire alla persona - il cosiddetto 'finanziatore' - che ha fornito a lei e a Giovanni Princi, il pregiudicato amico di Luca finito in carcere, i 70 mila euro che sarebbero serviti all'acquisto di 15 chili di droga. Tra i telefoni sequestrati dagli inquirenti anche quello di Princi, che si trova in carcere.

Per i pm di Roma i 70mila euro stipati nello zaino di Anastasia - sottoposta all'obbligo di firma venerdì scorso - erano stati messi a disposizione da una terza persona, al momento non ancora identificata. E anche su questo aspetto l'indagine sull'omicidio punta a fare chiarezza.