12 apr 2022

No vax rapisce il Locatelli svizzero Ucciso dalla polizia, ma è giallo

Un tedesco sequestra e rilascia quasi subito l’infettivologo Berger. Freddato dopo giorni in un blitz

riccardo jannello
Cronaca
Il capo della Commissione delle vaccinazioni svizzera, Christoph Berger, 56 anni
Il capo della Commissione delle vaccinazioni svizzera, Christoph Berger, 56 anni
Il capo della Commissione delle vaccinazioni svizzera, Christoph Berger, 56 anni

di Riccardo Jannello Il terrapiattista no vax e l’infettivologo del governo: è giallo sul sequestro e rilascio del responsabile della Commissione scientifica elvetica che sovrintende la gestione della pandemia da Covid-19. Il dottor Cristoph Berger, 59 anni, che ha definito per la Confederazione il calendario della somministrazione dei vaccini, è stata trattenuto per un’ora lo scorso 31 marzo da un uomo di 38 anni che gli ha chiesto considerevoli somme di denaro per il suo rilascio, minacciandolo con delle armi. Ma – e qui iniziano le stranezze di una storia non ben definita neppure dalle autorità – a quanto pare si è poi accontentato dell’assicurazione che una volta liberato il medico avrebbe raccolto il denaro richiesto per consegnarglielo. Come non è chiaro. Ma una volta uscito il medico – a quanto pare neppure seguito dal suo aguzzino – ha allertato la polizia cantonale che ha cominciato le indagini sulla vicenda. L’operazione si è conclusa con l’irruzione, due giorni fa, della polizia nella casa dell’uomo, a Wallisellen, otto chilometri a nord est di Zurigo, dove gli agenti hanno affrontato il presunto rapitore e dopo un conflitto a fuoco lo hanno ucciso. L’uomo, secondo la testimonianza degli agenti, prima di essere colpito ha sparato alla donna che era con lui, che si è scoperto essere la sua compagna ventinovenne, uccidendola a sua volta. Il sequestratore-vittima è risultato in seguito essere un uomo di affari tedesco di 38 anni – di cui non è stata rivelata l’identità da parte della Procura – ben conosciuto per le sue posizioni complottiste e con una vasta rete di amicizie anche in Svizzera: deciso no vax e convinto che dietro la pandemia ci fosse un disegno internazionale, ha più volte sostenuto in pubblico tesi che confutano l’attentato alle Torri Gemelle di New York, che affermano come ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?