Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
9 ott 2021

"Le barriere? Un palliativo Così non si risolve la crisi"

Franco Cardini: chi vuole innalzare difese ha perso il vero senso della storia "Certamente è più facile che agire sui diritti. Ma l’immigrazione non si fermerà"

9 ott 2021
giorgio
Cronaca

di Giorgio Caccamo Il Vallo di Adriano, per respingere le invasioni dei Pitti nella Britannia romana. La Grande Muraglia cinese, oltre 20mila chilometri di barriera contro i tartari. Poi il muro di Berlino, le barriere fra Usa e Messico e quelle che tagliano in due Israele e Palestina. E ora anche nella Ue c’è chi vuole innalzare barriere anti migranti. "Chi la pensa così ha perso il senso della storia", avverte lo storico Franco Cardini. "I muri sono un palliativo per rimandare la soluzione dei problemi". Professore, 12 Paesi chiedono soldi a Bruxelles per costruire i loro muri contro i migranti. Si ritorna al passato? "Conosco bene la storia dei muri... Anche il limes arabicus per cinque secoli ha protetto la frontiera sud-orientale dell’Impero romano. Ma a che cosa è servito? I muri sono solo un deterrente, a lungo andare esauriscono o falliscono la loro missione". Perché? "La storia si ripete. Basta vedere quello che succede oggi in Israele o fra Usa e Messico. Entro certi limiti i muri funzionano come un palliativo per rimandare la soluzione dei problemi". E allora come mai torna ciclicamente il loro fascino? "Proprio perché è una soluzione semplice, una bandiera demagogica effimera. E invece è chiaro che bisogna agire per salvaguardare i diritti, in Africa come in Afghanistan. A proposito, chi sarebbero i Paesi europei che vogliono i muri?". Quelli dell’Est, la Danimarca socialista, ma anche la Grecia, già culla della civiltà... "Beh! La Grecia ha insegnato alcune cose per diversi secoli ma poi è stata bizantina e ottomana. E da piccola repubblica balcanica non è che abbia fatto granché. Tra l’altro, mi chiedo: vogliono fermare l’immigrazione con i muri, ma a chi li farebbero presidiare? La Cina? La Russia? L’Iran? L’asse Usa-Nato è ormai vecchio e moribondo". Eppure l’impero romano è diventato grande quando ha esteso la cittadinanza, non quando si è chiuso ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?