13 apr 2022

L’America fa i conti con se stessa "Ora basta, un limite alle armi"

Biden non riesce a regolamentare la vendita, troppo forte il peso delle lobby. E a Manhattan il crimine cresce del 42%

Un video girato dai passeggeri negli istanti immediatamente successivi all’attacco: fumo e panico sulla piattaforma
Un video girato dai passeggeri negli istanti immediatamente successivi all’attacco: fumo e panico sulla piattaforma
Un video girato dai passeggeri negli istanti immediatamente successivi all’attacco: fumo e panico sulla piattaforma

La sparatoria nella metropolitana riaccende i riflettori sulla ’disinvolta’ circolazione delle armi negli Stati Uniti. La governatrice dello Stato di New York, Kathy Hochul, mentre ancora si raccolgono i bossoli sui marciapiedi della metrò di Brooklyn, urla tutta la sua rabbia contro le sparatorie di masse. Dal canto suo il sindaco della Grande Mela, Eric Adams, promette una battaglia senza confini per evitare nuove stragi. Ma, intanto, nulla cambia, il peso delle lobby delle armi – qualche mese fa è stato neutralizzato dalla magistratura Usa un tentativo di bloccare la National Rifle Association – impedisce una vera stretta, troppe volte annunciata e troppe volte disattesa dallo stesso Joe Biden. Così gli Stati Uniti si trovano alle prese con l’ennesima caccia all’uomo, stavolta dello stragista mancato per un soffio. O meglio, per una pistola inceppata, la sua. Per arrestarlo si stanno mobilitando centinaia di poliziotti e agenti dell’FBI, unità cinofile e tiratori scelti, esperti balistici e tecnici dell’immagine. Per New York è un nuovo incubo. Nel vagone numero 3 della linea R oltre a campioni di sangue dei feriti, sono stati raccolti decine di bossoli e diversi caricatori. Hanno trovato anche la pistola, ma non è chiaro se ne avesse una sola e se fosse illegale. Diversi bossoli sono stati rinvenuti anche sulla piattaforma della Stazione di Sunset Park e tra i binari dove il treno si è fermato rovesciando i suoi 16 feriti sul largo marciapiede. Ma si cerca anche casa per casa e nel ventre della stazione metropolitana. Con i cani che fiutano anche nei lunghi tunnel che arrivano ad immergersi nell’East river per raggiungere Manhattan. Diversi blocchi sulla trentaseiesima strada e la quarta avenue con le casette basse e tipiche di una Brooklyn abitata da giovani e professionisti con famiglie sono off limits. La gente deve mostrare i ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?