Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
4 gen 2022

L’accusatrice del principe pagata per tacere

Virginia Giuffre, che vuole fare causa ad Andrea per le violenze subite in casa Epstein, ricevette 500mila dollari dal miliardario suicida

4 gen 2022
deborah bonetti
Cronaca
Il principe e duca di York, Andrea, 61 anni, e la regina Elisabetta II, 95 anni
Il principe e duca di York, Andrea, 61 anni, e la regina Elisabetta II, 95 anni
Il principe e duca di York, Andrea, 61 anni, e la regina Elisabetta II, 95 anni
Il principe e duca di York, Andrea, 61 anni, e la regina Elisabetta II, 95 anni
Il principe e duca di York, Andrea, 61 anni, e la regina Elisabetta II, 95 anni
Il principe e duca di York, Andrea, 61 anni, e la regina Elisabetta II, 95 anni

di Deborah Bonetti Giornata decisiva per il principe Andrea, che rischia di perdere i suoi titoli reali. In un’udienza del tribunale di New York, il giudice americano Kaplan deciderà oggi se accettare o meno il ricorso della sua accusatrice, Virginia Roberts Giuffre, la quale sostiene che il principe britannico l’avrebbe costretta a rapporti sessuali quando lei aveva appena 17 anni. La Giuffre, ora 38enne, si è descritta come una "schiava del sesso" del pedofilo americano Jeffrey Epstein, compagno di Ghislaine Maxwell, giudicata colpevole di traffico e prostituzione di minorenni pochi giorni fa e nota come grande amica personale di Andrea. Epstein (morto suicida in carcere) avrebbe costretto la Giuffre a firmare un accordo privato, nel 2009, in cui lei esonerava a priori l’intera cerchia di contatti del finanziere americano in cambio di una cifra resa nota ieri: mezzo milione di dollari. I legali del principe si sono aggrappati ai termini dell’accordo, rimasto sotto sigillo fino a ieri, sostenendo che il 61enne Andrea sarebbe quindi fuori pericolo, ma gli avvocati della Giuffre hanno ribattuto che non esiste alcun riferimento esplicito al reale e che quindi la causa civile contro di lui deve poter procedere. Il principe, ormai inviso dalla maggioranza degli inglesi, spera di uscirne grazie all’aiuto di Andrew Brettler, uno degli avvocati più potenti di New York, che ha difeso diversi altri vip da accuse di abusi sessuali. Ma se oggi il giudice decidesse di accogliere la causa della Giuffre, Andrea potrebbe essere costretto a testimoniare di persona, e a presentare le prove di quello che lui dice sarebbero i suoi alibi. Infatti, il principe ha dichiarato (in una disastrosa intervista alla Bbc nel 2019) di "non essere in grado di sudare" a causa di danni neurologici sostenuti durante la guerra delle Falklands e di essere stato in una ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?