Vanessa Ballan, la relazione chiusa col killer. Lei lo denunciò per stalking: “Non mi lascia più vivere”

Il 40enne aveva avuto una storia con la commessa, ma lei e il marito poi lo avevano querelato. I carabinieri gli avevano sequestrato cellulare e pc.

Treviso, 20 dicembre 2023 – Era passato un mese e un giorno dal ritrovamento del corpo di Giulia Cecchettin in provincia di Pordenone e dal seguente arresto in Germania del suo killer, l’ex fidanzato Filippo Turetta, in fuga da sette giorni. Ma la lezione di Giulia non è servita. Ieri mattina un nuovo femminicidio, sempre in Veneto (nel Trevigiano) e sempre con una vittima giovane. "Una tragedia a pochi giorni dopo quella di Giulia Cecchettin – ha detto il governatore del Veneto, Luca Zaia –, assistiamo a una spirale di violenza che necessita da parte di tutta la società di una risposta assolutamente ferma. Darò mandato affinché la Regione Veneto disponga il lutto regionale il giorno delle esequie di Vanessa Ballan". Anche Vanessa era vittima di una (ex) relazione tossica: aveva avuto un rapporto con il suo assassino, identificato nel 41enne kosovaro Fandaj Bujar.

La vittima Vanessa Ballan e Bujar Fandaj, arrestato per il suo omicidio (Ansa)
La vittima Vanessa Ballan e Bujar Fandaj, arrestato per il suo omicidio (Ansa)

Vanessa lo aveva denunciato per stalking. Sarebbe stato il marito piastrellista, Nicola Scapinello a indicarlo agli investigatori: il 41enne autotrasportatore di Altivole, in provincia di Treviso, è un cliente del supermercato dove la vittima lavorava e negli ultimi tempi minacciava la 26enne di mostrare alcuni video compromettenti se lei avesse continuato a rifiutarlo. Quella tra Vanessa e Fandaj era una storia ormai conclusa dal 2022, considerato che la 26enne si era riconciliata con il marito e ora era in attesa del secondo bambino. Con la famiglia di Vanessa e Nicola tuttavia i rapporti erano tesi da tempo: Fandaj aveva iniziato a perseguitarla, con continue e improvvise visite nel supermercato. Una serie di comportamenti molesti che avevano spinto Vanessa anche a denunciarlo a ottobre per stalking: "La mia vita è un incubo". I carabinieri avevano sequestrato all’uomo, incensurato, cellulare e computer.

Vanessa – nonostante la giovane età – era sposata dal 2013 con Nicola Scapinello, originario come lei di Castelfranco Veneto. La coppia si era trasferita da qualche anno a Riese, dove Vanessa aveva trovato lavoro al supermercato. La collega Sephora Longo descrive la 26enne come una "brava ragazza, con una vita tranquilla" ed è sotto choc per quanto accaduto. Lo stesso l’amica Ines Pagnon: "Conosco Vanessa e anche il marito, davvero non riesco a capacitarmi che sia stata uccisa".

Nel paese di Riese Pio X era un volto noto, familiare, Vanessa Ballan. Una giovane mamma, dal sorriso aperto dietro i grandi occhiali, "solare, simpatica e preparata" la ricordano i concittadini che la conoscevano anche per il suo lavoro ’col pubblico’. Non è difficile conoscersi a Riese Pio X, diecimila abitanti, una decina di chilometri a nord di Castelfranco Veneto, la città d’origine di Vanessa e di suo marito Nicola Scapinello. Si erano stabiliti lì, in un piccolo quartiere residenziale. Casette bifamiliari, un salone di parrucchiera che la ragazza frequentava.