"Vi spiego come funziona la caccia ai responsabili". Gregorio De Falco (foto), senatore del gruppo Misto ed ex esponente M5s, racconta di essere stato contattato da diversi politici per sondare la sua disponibilità ad appoggiare Conte. "Chiedono sostanzialmente che io e gli altri si sostenga Conte. Io dico loro che, per la verità, non ho neanche dato la fiducia alla legge di bilancio. Mi accorgo che c’è una certa sciatteria anche nella ricerca dei responsabili, non sono neanche capaci di far questo". Spiega l’ex capitano di fregata: "Quando cercano il voto io faccio presente che Conte è stato dapprima l’esponente di un governo di destra, adesso rappresenta un governo di sinistra". Alla domanda inevitabile da chi sia stato contattato, lui risponde che "mi hanno cercato i loro ‘scout’ indiani... Se fossero stati intelligenti, la chiamata sarebbe partita, al limite, da Palazzo Chigi. Mi ha contattato la signora Lonardo, mi ha chiamato Saverio De Bonis per conto di Merlo (Ricardo, presidente del Maie, ndr)...". In serata Sandra Lonardo (senatrice ex Fi ora nel Misto, moglie di Mastella) ha smentito la ricostruzione dell’ex comandante. "Ho richiamato De Falco solo per cortesia dopo che lui mi aveva mandato un messaggio whatsapp".