Coronavirus (Ansa)
Coronavirus (Ansa)

Roma, 30 settembre 2020 - L'idrossiclorochina non è più efficace di un placebo nel contrastare l'infezione Covid-19. Lo rivela uno studio pubblicato sulla rivista Jama Internal Medicine e condotto presso l'Università della Pennsylvania. Ci sono diversi trial in corso su questo farmaco, già in uso per molte altre indicazioni cliniche, per verificarne l'efficacia contro l'infezione da Sars-CoV-2. Tuttavia finora mancavano risultati chiari.

Coronavirus Italia, il bollettino del 30 settembre

Coronavirus, scoperti due anticorpi "neutralizzanti super potenti"

Questo studio, unico nel suo genere, ha coinvolto 125 individui tra medici, infermieri e altri operatori sanitari a contatto con pazienti Covid, metà dei quali hanno assunto il farmaco ogni giorno per otto settimane, gli altri un placebo (uno studio in 'doppio cieco', cioè nessuno sapeva chi assumesse il farmaco e chi il placebo). Tutti sono stati testati per l'infezione prima dello studio e più volte durante e alla fine di esso. I tassi di infezione da Coronavirus sono risultati del tutto simili nei due gruppi alla fine dello studio (circa il 6% è risultato positivo al virus in entrambi i gruppi), quindi l' idrossiclorochina non ha mostrato effetti protettivi. "Questo lavoro rappresenta il primo trial clinico randomizzato sull'idrossiclorochina per persone a rischio e ancora negative al Covid-19", afferma l'autore del lavoro Benjamin Abella, e sicuramente avrà un impatto sulle sperimentazioni attualmente in fieri o pianificate con questo farmaco. 

Coronavirus, Crisanti: "Tamponi a tutti. Così eviteremo la nuova ondata"

Covid, Bassetti: "Test fuorvianti. Torniamo a visitare i nostri pazienti"