Festini nella casa del cimitero di Sezze, ai quali partecipavano anche baby squillo e politici, in un quadro di prostituzione minorile. Fausto Castaldi, il sessantacinquenne, indagato nell’estate del 2019 per induzione allo sfruttamento della prostituzione minorile, ora è in carcere, a seguito dell’inchiesta che ha portato ad undici arresti e quindici indagati. Aveva trasformato l’abitazione in un punto di riferimento per un giro d’affari che ruotavano intorno ad essa. Oltre ai party a bordo piscina e allo sfruttamento di minorenni a carico del custode, tra le quali ci sarebbe una ragazzina di tredici anni, i destinatari delle misure di custodia cautelare sono ritenuti a vario titolo di corruzione per atti contrari ai doveri d’ufficio, induzione indebita a dare o promettere utilità, distruzione, soppressione o sottrazione di cadavere, peculato, concussione, tentativo di minaccia o violenza, esecuzione di lavori in assenza del titolo abilitativo e in violazione del regolamento di polizia mortuaria.