Il piccolo Eitan, l’unico sopravvissuto all’incidente, ha cominciato a mangiare. "Le condizioni di Eitan – dicono i medici – sono in significativo miglioramento anche se la prognosi rimane riservata. Per la prima volta ha potuto assumere alimenti morbidi e leggeri". Il bimbo di cinque anni...

Il piccolo Eitan, l’unico sopravvissuto all’incidente, ha cominciato a mangiare. "Le condizioni di Eitan – dicono i medici – sono in significativo miglioramento anche se la prognosi rimane riservata. Per la prima volta ha potuto assumere alimenti morbidi e leggeri". Il bimbo di cinque anni rimane in Rianimazione all’ospedale infantile Regina Margherita di Torino per precauzione. Se non ci saranno complicazioni nei prossimi giorni verrà sciolta la prognosi. Accanto a sé ha sempre la zia Aya e la nonna arrivata da Israele nei giorni scorsi.

Nell’incidente, il piccolo ha perso tutta la sua famiglia: il padre trentenne Biran Amit, che al momento dell’urto lo ha protetto con il suo corpo, la madre Tal Peleg-Biran (26 anni), il fratellino di due anni Tom (la vittima più giovane della tragedia). Nello schianto sono morti anche i due bisnonni giunti da Israele: Itshak Cohen, 81 anni, e Barbara Konisky Cohen, 71 anni. Nei giorni scorsi si sono celebrati i loro funerali.

Nei prossimi giorni arriverà in Italia un’altra zia di Eitan: Gali Peleg, sorella di Tal Biran, verrà da Israele per dare l’incarico a un legale in modo che la famiglia sia rappresentata nel procedimento giudiziario che si svolgerà. "Mia moglie è devastata – ha detto il marito Ron alla Provincia Pavese –. Hanno cercato di risparmiare sulla manutenzione della funivia e sono morte delle persone, distruggendo intere famiglie. Non appena i giorni più difficili saranno passati, verremo in Italia per chiedere giustizia".