Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
12 feb 2022

Draghi e il futuro: niente politica "Sereni, il lavoro lo trovo da solo"

Via alla riforma della Giustizia. Poi la sferzata: io candidato nel 2023 come federatore del centro? Lo escludo

12 feb 2022
ettore maria colombo
Cronaca
Mario Draghi, 74 anni, è stato nominato premier da Mattarella un anno fa, il 13 febbraio 2021
Mario Draghi, 74 anni, è stato nominato premier da Mattarella un anno fa, il 13 febbraio 2021
Mario Draghi, 74 anni, è stato nominato premier da Mattarella un anno fa, il 13 febbraio 2021
Mario Draghi, 74 anni, è stato nominato premier da Mattarella un anno fa, il 13 febbraio 2021
Mario Draghi, 74 anni, è stato nominato premier da Mattarella un anno fa, il 13 febbraio 2021
Mario Draghi, 74 anni, è stato nominato premier da Mattarella un anno fa, il 13 febbraio 2021

di Ettore Maria Colombo Prima scherza, poi all’ennesima domanda dei cronisti il tono diventa più duro, affilato, e arriva la notizia: il premier Mario Draghi, in conferenza stampa post-Consiglio dei ministri, esclude un suo impegno politico al termine della legislatura. E lo fa in modo netto, tranchant: "Tanti politici mi candidano in tanti posti, mostrando una sollecitudine straordinaria. Vorrei rassicurare che se decidessi di trovare un lavoro dopo questa esperienza, un lavoro lo troverei da solo", scherza il premier, togliendosi di mezzo in modo netto dall’agone politico del futuro, il post 2023. Altro che Draghi "federatore", del centro o altro. E anche addio a chi già sognava un Draghi dopo Draghi. Il premier esclude la possibilità di diventare un federatore di qualsivoglia area e chiarisce che il suo orizzonte è immediato: "La squadra di governo è efficiente e va avanti", spiega. Tradotto: non c’è alcun rimpasto in vista. Draghi viene da un anno esatto di governo (il suo esecutivo è nato il 13 febbraio 2021), un anno da premier a capo di una maggioranza così variegata che chiunque avrebbe fatto fatica a tenerla insieme, e un sogno sfumato da poco, il Quirinale. L’ultimo anno di governo, quello che inizia ora, Draghi lo vede "in maniera relativamente chiara: il dovere dell’esecutivo è proseguire e affrontare sfide importanti per gli italiani che sono quella immediata del caro energia, quella meno immediata ma preoccupante che è l’inflazione, la pandemia e il Pnrr che sta andando molto bene". Sul tavolo della conferenza stampa, da illustrare, c’era la riforma della giustizia, tema su cui la maggioranza ha faticosamente trovato la quadra. In Cdm c’è stata una "discussione ricchissima e condivisa", riconosce. Il premier assicura che ci sarà un "pieno coinvolgimento delle forze politiche nel rispetto dei tempi: niente tentativi di imporre la fiducia", che significa ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?