"L’assassinio a sangue freddo della giovane

Vanessa Zappalà ad Aci Trezza scuote le coscienze di tutti noi e obbliga a riflettere sul modo in cui vengono applicate le nostre ottime norme contro lo stalking e la violenze sulle donne". È quanto dichiara Mara Carfagna, ministro per il Sud e la Coesione territoriale. "È impensabile – sottolinea – che pluri-denunciati aggressivi, già consegnati agli arresti domiciliari per la loro pericolosità, manifestata addirittura sui social con deliranti messaggi di morte, restino in circolazione senza controllo".