La polizia invita i ragazzi a sciogliere gli assembramenti (Imagoeconomica)
La polizia invita i ragazzi a sciogliere gli assembramenti (Imagoeconomica)

Roma, 24 maggio 2020 -  Il trend in discesa della pandemia di Coronavirus in Italia si conferma secondo i dati del bollettino diramato oggi dalla Protezione Civile:  è minore l'incremento dei morti e dei nuovi positivi, continua il calo di ricoverati nelle terapie intensive. Numeri che complessivamente migliorano il quadro già buono di ieri (qui il bollettino del 23 maggio). Ed è importantissimo perché i dati dei prossimi giorni saranno decisivi per conoscere venerdì 29 come potremo spostarci al di fuori della nostra regione dal 3 giugno a seconda degli indici di rischio.

Soprattutto emerge oggi il calo dei morti: + 50 (ieri erano stati + 119). E la notizia del giorno è che la Lombardia non ha segnalato per ora alcun decesso: la Regione spiega che "i flussi provenienti dalla rete ospedaliera e le anagrafi territoriali oggi non hanno segnalato decessi". Ma l'incertezza rimane: l'assenza di nuovi decessi in Lombardia, sarebbe la prima volta dall'inizio dell'epidemia a febbraio, potrebbe essere causata dalla mancata trasmissione dei dati dalla rete ospedaliera e dalle anagrafi dei Comuni. È già capitato, in occasione di festività o fine settimane degli scorsi mesi, che i dati non fossero del tutto aggiornati e quelli mancanti siano stati aggiunti il giorno dopo. In corso verifiche del Pirellone.

Coronavirus, i dati di oggi

Il numero totale di contagiati dall'inizio della pandemia raggiunge quota 229.858 (531 più di ieri, mentre sabato l'aumento era stato di 669). I deceduti sono complessivamente 32.785: + 50 rispetto al + 119 di sabato (ma nel conteggio resta il dubbio sulla Lombardia). I guariti salgono a 140.479: +1.639 di ieri (sabato +2.120). Calano i malati (gli attualmente positivi cioè): sono 56.594 con un -1.158, ieri erano stati 1.570). Tra gli attualmente positivi, 553 sono in cura presso le terapie intensive, con una decrescita di 19 pazienti rispetto a ieri (sabato il calo era stato di 23). Sono 8.613 le persone ricoverate con sintomi, con un decremento di 82 pazienti rispetto a ieri. Mentre sono 47.428 le persone, pari all'84% degli attualmente positivi, in isolamento senza sintomi o con sintomi lievi (1.057 in meno di ieri). Per quanto riguarda le regioni, oggi non si registrano morti in Sicilia, Sardegna, Valle D'Aosta, Calabria, provincia di Bolzano, Molise e Basilicata. Un solo decesso è stato segnalato nelle Marche, in Campania, in Puglia e nella provincia di Trento. Ecco il dato dei nuovi contagi:  l'incremento è di 43 in Piemonte, 45 in Emilia Romagna, 17 in Veneto, 15 in Toscana, 53 in Liguria, 20 nel Lazio, 13 nelle Marche, 10 in Puglia. In tutte le altre regioni i nuovi casi di Covid-19 sono meno di 10, nessun nuovo positivo in Umbria, Sardegna e Calabria. Oggi sono stati testati 34.206 casi contro 55.824 tamponi processati (ieri 72.410) e individuati appunto 531 nuovi positivi: il coefficiente è di un positivo ogni 64 persone, l'1,55%.

Emilia Romagna

È di 45 nuovi contagiati (a fronte di 4.49 tamponi) e di otto morti il bilancio delle ultime 24 ore della lotta al Coronavirus in Emilia-Romagna. Secondo i dati diffusi dalla Regione, e aggiornati alle 12, ci sono due province, Ferrara e Rimini, dove non si sono registrati casi positivi. La maggioranza dei nuovi casi sono asintomatici, individuati grazie al test sierologico. Dall'inizio dell'epidemia si sono registrati 27.558 casi di positività, mentre i casi attivi sono scesi a 4.457, 113 in meno rispetto a ieri. I pazienti in terapia intensiva sono 83 (-1), i ricoverati negli altri reparti Covid 519 (-5). Gli otto decessi portano il totale a 4.055.

Lombardia

La Lombardia non ha segnalato alcun decesso (è indicato lo stesso numero di ieri: 15.840). Per quanto riguarda gli altri parametri, i casi totali sono 87.110 (+ 285; sabato + 441);  gli attualmente malati 25.614 (-16).  I ricoverati con sintomi sono 4.017 (- 9), quelli in terapia intensiva 197(- 2). In isolamento domiciliare sono 21.400 persone (- 5). I guariti/dimessi sono 45.656 (+ 301).  Complessivamente sono stati processati  670.241 tamponi (+ 11.457). Il rapporto fra tamponi effettuati e numero di positivi trovati è di 2,5% (ieri era 2,6%) A Milano e provincia i nuovi contagiati è arrivato a 22.680 (+64) di cui 9.597 (+32) a Milano città. Nuovi positivi a Bergamo 72, a Brescia 59 e solo 3 a Lodi.

I dati regione per regione

I dati provincia per provincia

Le notizie di oggi

Quello che finisce questa sera è stato il primo weekend dopo la sostanziale riapertura generale di lunedì 18 maggio. Non sono mancati i problemi da Nord a Sud della penisola. Sotto accusa in molte città la movida con assembramenti eccessivi e un uso troppo disinvolto delle mascherine. A Napoli bivacchi e risse fino all'alba. A Milano movida selvaggia con 7 locali multati. A Bologna appello del governatore Bonaccini: "Non vanifichiamo i sacrifici". Per far fronte al problema è in arrivo un bando per reclutare 60mila assistenti civici da destinare ai controlli. Intanto in Emilia Romagna hanno riaperto le spiaggeSempre sul fronte delle riaperture da domani (lunedì 25 maggio) potremo rimetterci in forma: riaprono palestre e piscine. L'emergenza Coromavirus intanto ha portato in prima fila i governatori delle Regioni: un sondaggio firmato da Antonio Noto mette al top Zaia (Veneto), Bonaccini (Emilia Romagna) e De Luca (Campania).

FOCUS / Tutti gli approfondimenti