Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
24 feb 2022

Avvelenò il marito: 30 anni Ma niente cella alla neomamma

Condannata per aver ucciso il coniuge col cianuro, andrà ai domiciliari. Il motivo: la recente maternità. Fu l’ex amante a denunciarla per l’omicidio

24 feb 2022

PALERMO A evitarle il carcere è stata la recente maternità. Nonostante una condanna a 30 anni per avere avvelenato il marito, Sebastiano Rosella Musico, un pizzaiolo di 40 anni, Loredana Graziano, di 36 non finirà in cella. Questa la decisione del gip di Termini Imerese (Palermo) che ha processato la donna con il rito abbreviato. L’omicidio risale al gennaio del 2019. La Graziano, che si è sempre professata innocente, secondo l’accusa avrebbe ucciso il coniuge somministrandogli cibi con dentro cianuro e un anticoagulante. Inizialmente si era ipotizzato che il pizzaiolo fosse morto per un infarto. Le indagini dei carabinieri, coordinate dal Procuratore di Termini Imerese Ambrogio Cartosio, e l’autopsia eseguita sul corpo accertarono invece che si era trattato di avvelenamento. A dare una svolta anche le dichiarazioni dell’ex amante della donna, che l’aveva accusata di avergli confidato il delitto. A spingerla sarebbe stata la voglia di cambiare vita e il desiderio di avere il figlio che la vittima non poteva darle. Movente confermato da numerose intercettazioni. La donna, che frattanto ha avuto una figlia da un terzo uomo, ha ottenuto dal giudice i domiciliari. Loredana Graziano è stata interdetta in perpetuo dai pubblici uffici e sospesa dall’esercizio della responsabilità genitoriale per tutta la durata della pena e condannata al pagamento di una provvisionale esecutiva di 140 mila euro a favore dei familiari della vittima che si sono costituiti in giudizio. Il risarcimento sarà stabilito con un nuovo processo in sede civile. "Sono pochi 30 anni di carcere per un omicidio così brutale e premeditato", commentano I familiari di Sebastiano. "Loredana ha assassinato mio figlio – dice la madre della vittima, Antonina Filicicchia –. Nessuna pena applicata dal giudizio degli uomini potrà restituirmelo, ma il mio cuore di madre sarebbe meno affranto se la responsabile scontasse una pena adeguata alla sua condotta assurda ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?