I carabinieri del Ros
I carabinieri del Ros

Roma, 12 giugno 2020 - Sette arresti a Roma, sgominata una cellula eversiva anarco-insurrezionalista. E' l'importante operazione portata a termine oggi dai carabinieri del Ros, al culmine di indagini partite dopo l'attentato esplosivo alla Stazione dei carabinieri San Giovanni nel 2017, nella capitale. Uno dei fermati avrebbe preso parte direttamente all'attacco.

Quel giorno un ordigno artigianale, nascosto all'interno di un termos di metallo e contenente 1,6 kg di esplosivo, era stato fatti esplodere provocando ingenti danni all'ingresso della caserma e rischiando di travolgere un passante. L'attentato era stato rivendicato dalla sigla terroristica "Cellula Santiago Maldonado - Federazione Anarchica Informale-Fronte Rivoluzionario Internazionale". 

Il gruppo puntava a "riorganizzare il movimento anarchico superando 'ogni localismo', per avviare una nuova fase dell'insurrezionalismo, che avvicinasse i diversi gruppi, cosi' da colpire l'organizzazione democratica e costituzionalmente organizzata dello Stato". I sette arrestati - tra cui una donna - sono ritenuti responsabili di associazione con finalità di terrorismo o di eversione dell'ordine democratico, atto di terrorismo con ordigni micidiali ed esplosivi, detenzione e porto di materiale esplosivo, istigazione a commettere delitti contro la personalità dello Stato oltre che incendio e danneggiamenti aggravati dalla finalita' di terrorismo ed eversione dell'ordine democratico.