Sabato 25 Maggio 2024
VITTORIO BELLAGAMBA
Archivio

Inflazione e consumi, la situazione della grande distribuzione con i prezzi che crescono

L'analisi di Federdistribuzione sui dati del costo della vita a gennaio

Supermercato

Supermercato

Milano, 01 Febbraio 2023 – Il quadro congiunturale, al di là della flessione dell'inflazione registrata a gennaio, rimane a tinte fosche per le aziende della grande distribuzione secondo quanto emerge dallo studio di Federdistribuzione.

I dati di gennaio

I dati diffusi da Istat relativi ai prezzi al consumo del mese di gennaio mostrano un’inflazione in calo rispetto a quella del mese precedente: l’indice tendenziale generale segna un +10,1%, mentre il carrello della spesa si attesta a +12,2%. “Malgrado l’attenuazione registrata, anche in questo inizio d’anno la congiuntura economica continua a essere fortemente contraddistinta da inflazione e incertezza, con effetti negativi sui bilanci delle famiglie e sui consumi, in modo particolare per quanto riguarda le vendite a volume nel settore alimentare che hanno segnato oltre -6% alla fine del 2022”, commenta Carlo Alberto Buttarelli, Direttore Ufficio Studi e Relazioni con la Filiera di Federdistribuzione - e nonostante si registri un primo rallentamento della crescita dei prezzi dei beni energetici e delle materie prime, l’impatto dell’inflazione rimarrà elevato nei prossimi mesi, minacciando ulteriormente la tenuta dei consumi su cui grava anche un peggioramento del clima di fiducia, come già rilevato da Istat”.

L'impegno della grande distribuzione organizzata

“Lo scorso anno le imprese della Distribuzione Moderna hanno contrastato in maniera rilevante la crescita dell’inflazione, investendo ingenti risorse economiche e riducendo i propri margini per assorbire parte dell’aumento dei listini industriali, con l’obiettivo di tutelare il potere d’acquisto degli italiani. Oggi siamo di fronte al perdurare di un quadro economico incerto e complesso e occorre scongiurare il rischio di un ulteriore crollo dei consumi e dei conseguenti effetti recessivi derivanti dalla spinta inflattiva che i listini industriali ancora in forte incremento fanno presagire. Le aziende della distribuzione non hanno più margini di intervento economico e non possono essere lasciate sole. È fondamentale, quindi, avviare una discussione più ampia, sia dal punto di vista politico che industriale, per trovare, con senso di responsabilità, tutte le soluzioni praticabili in questa situazione potenzialmente dannosa per la tenuta sociale e per la crescita economica del Paese”.

Federdistribuzione

Federdistribuzione, da oltre sessant’anni, riunisce e rappresenta le aziende della Distribuzione Moderna, alimentare e non alimentare, che operano con reti di negozi fisici e attraverso i nuovi canali digitali. Le imprese associate a Federdistribuzione realizzano un giro d’affari di 74,5 miliardi di euro (di cui 10,7 miliardi di euro in franchising), con una quota pari al 53% del totale fatturato della Distribuzione Moderna; hanno una rete distributiva di oltre 17.400 punti vendita (di cui 7.600 in franchising), danno occupazione a più di 225.000 addetti e rappresentano il 32% del valore dei consumi commercializzabili. Federdistribuzione è operativa a livello locale, nazionale ed europeo con attività mirate a creare le migliori condizioni per favorire la crescita delle aziende e per contribuire allo sviluppo economico del Paese.