Bologna, 7 dicembre 2017 – E’ stato un mercoledì decisamente amaro per le italiane impegnate in Champions League FIBA ed Eurocup. Delle cinque squadre scese in campo oggi l’unica ad essere riuscita a portare a casa un successo è stata la Dinamo Sassari che nel cuore della Siberia ha dominato la gara contro l’Enisey Krasnoyarsk vincendo 75-65 grazie alle ottime prestazioni di Jones (16 punti e 10 rimbalzi), Hatcher (12 punti) e Pierre (17 punti e 9 rimbalzi). I biancoblu sono partiti con un 16-0 nelle primissime battute del match e poi si sono limitati a gestire il vantaggio, controllando senza fatica i russi. La trasferta a Madrid ha lasciato non poco amaro in bocca invece alla Reyer Venezia – priva di Bramos che starà fermo ai box per circa due mesi per una lesione muscolare – che è stata sconfitta 81-80 dall’Estudiantes che l’ha spuntata grazie ad una tripla allo scadere dell'ex Maccabi Tel Aviv Landesberg il quale è riuscito ad annullare il vantaggio orogranata siglato pochi istanti prima da Johnson. Infine è caduta anche la Sidigas Avellino – orfana di Kyrylo Fesenko e Jason Rich – che al PalaDelMauro è stata battuta 69-61 dal Telekom Basket Bonn portato in trionfo da Josh Mayo (17 punti), visto in Italia con le casacche di Roma, Montegranaro e Scafati.

In Eurocup è arrivata la quarta sconfitta di fila in coppa della Fiat Torino che al PalaRuffini è stata sopraffatta 83-77 dal Morabanc Andorra di Jaime Fernandez (19 punti) e Oliver Stevic (16): i gialloblu, dopo aver persino toccato il -14 in corso d’opera, affidandosi a Vujacic e Patterson (16 punti a testa) e a Garrett (17 punti), hanno provato a ricucire lo strappo rientrando a -3 ma nel finale hanno pagato a carissimo prezzo un backout offensivo di quasi 5 minuti in cui gli spagnoli hanno definitivamente allungato. Infine non è andata bene anche alla Grissin Bon Reggio Emilia sconfitta 82-72 dal Galatasaray che ha innestato la quinta nello spicchio di gara finale con un parziale di 19-9 che ha tagliato le gambe agli emiliani.