Milano, 12 novembre 2017  - La Warner Bros conferma il film di Natale di Fausto Brizzi, ma chiude con il regista nell'occhio del ciclone per le accuse di molestie da parte di alcune attrici. Warner Bros. Entertainment Italia annuncia in un comunicato di aver deciso di confermare l'uscita il 14 dicembre di "Poveri Ma Ricchissimi", dato che questo film "è il risultato della creatività, del lavoro e della dedizione di centinaia di donne e di uomini di cast e produzione".

Allo stesso tempo, la casa cinematografica sottolinea di aver "sospeso ogni futura collaborazione con Brizzi che non verrà associato ad alcuna attività relativa alla promozione e distribuzione" del film in uscita nel periodo natalizio. "Warner Bros. Entertainment Italia- si legge ancora nel comunicato - prende molto seriamente ogni accusa di molestia o abuso e si impegna fermamente affinché l'ambiente di lavoro sia un luogo sicuro per tutti i suoi dipendenti e collaboratori".

Il nome di Brizzi, tirato in ballo nei giorni scorsi sui social, poi da alcuni media, e associato a presunte moltestie sessuali, è stato fatto sabato sera da 10 attrici nel corso della trasmissione di Italia 1 Le Iene. Il regista è uscito allo scoperto fin da subito per difendersi dalle allusioni sulla sua condotta morale. Anche dopo il servizio di Dino Giarrusso su Italia 1, Brizzi ha ribadito "di non avere mai avuto rapporti non consenzienti". Ma accuse ancora più nette nei confronti del regista sono giunte oggi da Clarissa Marchese, miss Italia 2014. "Le sue molestie, pesanti, mentre eravamo soli nel suo studio - ha detto la ex Miss  a Repubblica - è come se avessero sporcato i miei sogni". 

Kevin Spacey cancellato dal film, Ridley Scott rigira tutte le scene