Correre per 5 minuti al giorno, o 30 alla settimana, genera gli stessi benefici al nostro corpo che correre per 21 minuti al giorno, ovvero 150 minuti alla settimana. È quanto sostiene una ricerca apparsa sul Journal of American College of Cardiology (fonte: http://content.onlinejacc.org/article.aspx?articleID=1891600).

BASTA POCO
Molti studi in passato hanno sostenuto che per ottenere i benefici del running fosse necessario correre per oltre 15 chilometri a settimana, o comunque per un ammontare di tempo superiore alle tre ore. Questa recente ricerca (condotta da una serie di atenei americani) invece indica una soglia più bassa, così come altri studi, che sostengono come non sia necessario correre così tanto per mantenersi sani. I 5 minuti al giorno di buona intensità ridurrebbero in modo significativo i rischi di problemi cardiovascolari (45%) e in generale di morte prematura (del 30%). 
Anche James Levine dell'americana Mayo Clinic ha condotto studi sul tema, spiegando come, facendo il giro dell'ufficio per due minuti per tre volte ogni ora (forse una pratica meno realistica che correre tutti i giorni per 5 minuti), si ottengano più risultati che in un'ora di palestra nel combattere i rischi della vita sedentaria. 

L'IMPORTANZA DEI DETTAGLI 
La battaglia per il peso, la forma fisica e la vita sana si combatte nei dettagli e nei ritagli di tempo delle nostre giornate, anziché nei piani di allenamento invasivi e nelle grandi imprese sportive. Sono i piccoli cambiamenti, forse più sostenibili nell'arco della quotidianità, a fare la differenza. Un altro studio (fonte: http://www.thelancet.com/journals/lancet/article/PIIS0140-6736(11)60812-X/abstract) spiega che la dieta migliore consiste nel rinunciare a sole 100 calorie al giorno per perdere peso progressivamente (5 chili in 3 anni) e in modo stabile, pur non facendo eccessivi sacrifici.