Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
14 giu 2022

TikTok punta sulla realtà virtuale

L’azienda cinese proprietaria del social network sarebbe pronta a investire una cospicua somma di denaro nella realtà virtuale, sfidando Zuckerberg anche nel metaverso

14 giu 2022
Visori per la realtà virtuale
Visori per la realtà virtuale
Visori per la realtà virtuale
Visori per la realtà virtuale

Anche se non c’è ancora nulla di ufficiale, esiste un indizio molto importante sullo sbarco di TikTok nel mondo della realtà virtuale. ByteDance, l’azienda cinese proprietaria del social network, sta cercando – tramite LinkedIn – esperti in realtà virtuale ed è pronta a mettere mano al portafogli per farsi trovare pronta alla nuova sfida con Meta. L’indiscrezione arriva dal portale Protocol che spiega come il tutto avvenga tramite la controllata Pico, un’azienda americana che produce tra le altre cose visori per la realtà virtuale, acquistata da TikTok lo scorso agosto per una cifra vicina agli 800 milioni di dollari.

Videogiochi in modalità VR
Scorrendo le offerte di lavoro pubblicate sul profilo LinkedIn di Pico si può iniziare a capire su quale sfera del metaverso e della realtà virtuale vuole concentrarsi maggiormente il social cinese. Oltre a un nuovo capo per l’azienda che abbia un’esperienza importante nel settore gaming, la controllata Pico è alla ricerca di un capo della VR Game Strategy: indizi importanti che confermano come i videogames siano diventati di fondamentale importanza per la crescita del social, soprattutto dopo averne lanciati alcuni sulla sua piattaforma e iniziato dei test per consentire ai gamers di giocare in diretta.

La nuova concorrenza
Se solitamente è Meta che – soprattutto su Instagram – “copia” le feature più interessanti da TikTok, questa volta è il social cinese che gioca di rimessa e prova a investire nella realtà virtuale e sul metaverso, scommettendo – si suppone – sulla strada intrapresa dalla compagnia americana.
L’accesso al metaverso e al virtuale passa per forza di cosa dai visori per la realtà aumentata che l’azienda cinese già produce tramite la controllata statunitense. Per il momento i prezzi dei suoi dispositivi sono più alti degli Oculus di Meta, ma presto potrebbe partire una guerra commerciale anche sui costi dei device.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?