Stoner e Rossi
Stoner e Rossi

 

Milano, 19 giugno 2020 - "Valentino Rossi in Petronas? È una delusione vedere degradato a un team satellite un pilota per cui qualsiasi squadra avrebbe fatto follie". Casey Stoner non fa nulla per nascondere la sua contrarietà alla scelta della Yamaha di puntare su Fabio Quartararo per il 2021 e 2022. Una mossa che ha posto dinanzi a Rossi due strade: il ritiro al termine di questa stagione oppure prolungare la propria carriera, scegliendo l'opzione Petronas. Il Dottore pare ormai convinto ad accettare questa seconda ipotesi, non riscuotendo il consenso dell'ex rivale Stoner, secondo il quale il 46 avrebbe dovuto già chiudere la propria avventura in MotoGp qualche anno fa. 

"Se avesse agito in questo modo, Rossi avrebbe lasciato un’eredità maggiore al mondo delle corse - il pensiero dell'australiano ai microfoni di Fox Sport Asia - Adesso è senza dubbio più vulnerabile e battibile, e penso sia triste vederlo fuori dal podio senza che nemmeno ci si avvicini. Questo non vuol dire che Valentino non sia in grado di ottenere altri risultati in MotoGp, anzi ritengo che possa togliersi ancora delle soddisfazioni e, perché no, vincere delle gare".