Simone Inzaghi
Simone Inzaghi

Dortmund (Germania), 1 dicembre 2020 - Mettere subito alle spalle la sconfitta dolorosa contro l’Udinese e provare a giocarsi le proprie carte in Champions League contro il Borussia Dortmund. La Lazio è atterrata da poche ore in Germania, dove il tecnico biancoceleste Simone Inzaghi ha commentato così la sfida di domani: “All'andata abbiamo vinto la partita meritatamente, giocando bene in entrambe le fasi. Ci sono tante insidie ma ce la giocheremo con le nostre armi”. Poi su infortuni e recuperi: ”Giocando così tanto arrivano delle problematiche anche inaspettate. L'allenamento di oggi è stato discreto. I ragazzi, eccetto Muriqi, sono tutti a disposizione. Luiz Felipe e Caicedo sono da valutare. Domani avremo un risveglio muscolare e poi decideremo con calma la formazione”.

"Manca ancora qualcosa per la qualificazione"

La Lazio è ormai vicinissima a conquistare la qualificazione agli ottavi. Ai capitolini infatti, basta fare lo stesso risultato del Bruges, oppure ottenere un pareggio nella sfida successiva, per ottenere la matematica certezza: ”C’è grande consapevolezza. Motivo di grande orgoglio essere l'unica squadra imbattuta in Champions. Il calcio è imprevedibile, e l'abbiamo visto nelle ultime partite. Manca ancora qualcosina per centrare questa qualificazione che per adesso ci stiamo meritando. Abbiamo fatto quattro partite importanti contro avversari forti. Lo Zenit è una squadra di prima fascia nel nostro girone che nell'ultima gara abbiamo messo sotto vincendo una gara molto importante ai fini della qualificazione”. Infine conclude: ”Dobbiamo guardare la nostra partita, dobbiamo giocarci la gara nel migliore dei modi sapendo che dipendiamo da noi, ce lo siamo meritato nelle prime sfide. A fine partita guarderemo anche il risultato delle altre, vogliamo arrivare a martedì non con l'assillo come contro il Bruges. Vogliamo cercare di chiudere la qualificazione domani sera, sappiamo che è difficile ma ce la giocheremo con le nostre armi”.

Leggi anche - Lazio, Lazzari tuona: "A Dortmund per il riscatto"