Totti (la presse)
Totti (la presse)

Roma, 3 ottobre 2017. L'ex capitano giallorosso Francesco Totti ha abbandonato il corso da allenatore Uefa B di Roma, il suo posto sarà preso da Simone Perrotta. L'associazione italiana allenatori si è detta dispiaciuta per l'abbandono dell'ex numero 10 della Roma. "Francesco Totti ha dimostrato anche fuori dal campo di essere un grande campione: impossibilitato a frequentare assiduamente il corso, nel rispetto dei compagni, dei docenti e degli organizzatori ha rinunciato, ci auguriamo momentaneamente, alla possibilità di diventare un ‘mister’" - si legge nel comunicato - "Il presidente Aiac Lazio, Sergio Roticiani, il responsabile del corso, Fabio Lozzi, e il docente federale di tecnica e tattica calcistica, Biagio Savarese, seppur dispiaciuti della decisione di Totti, si augurano di poterlo in futuro ritrovare tra i banchi". Totti ha deciso di accantonare per questo momento questo percorso a causa dei troppi impegni da dirigente della squadra capitolina. Per un giallorosso che abbandona un altro che intraprende la strada da allenatore. Il 9 ottobre Morgan De Sanctis inizierà il corso speciale da allenatore professionista di 2a categoria. Il team manager della Roma seguirà il corso nel Centro Tecnico Federale di Coverciano e proverà a portare a termine il corso che Francesco Totti ha deciso di mollare. Tornerà sui banchi insieme a ex giallorossi come Amantino Mancini, Marco Amelia, Luca Toni, Marco Cassetti e Cristian Chivu.

MARCO TARDELLI: "PELLEGRINI È UN OTTIMO GIOCATORE, SONO SICURO CHE CRESCERÀ". L'ex calciatore Marco Tardelli, campione del Mondo del 1982, è intervenuto ai microfoni di Teleradiostereo per parlare dell'ottimo momento di forma della squadra capitolina e in particolare delle condizioni di Lorenzo Pellegrini, costretto ad abbandonare il ritiro di Coverciano a causa di un fastidio muscolare. "Pellegrini è un ottimo giocatore, crescerà. E’ uno che va dritto alla porta, sa inserirsi bene, poi ha qualità fisiche e tecniche. E’ un giocatore che serve al centrocampo della Roma, che a volte mi sembra un po’ statico" - ha detto Tardelli - "Lui invece è uno che sa inserirsi. Nel centrocampo della Roma ci vuole un po’ più di rapidità, quella che ha Pellegrini. Strootman e De Rossi sono due ottimi calciatori, a Nainggolan piace stare un po’ più avanti. Pellegrini è l’uomo adatto per il centrocampo giallorosso. Anzi, è forse quello che dà quel qualcosa in più". Tardelli non ha potuto fare a meno di parlare dell'ultimo importante successo dei giallorossi: la vittoria contro il Milan. "La gara di San Siro dice che la Roma c’è, mentre non c’è il Milan" - conclude Tardelli - "Vedo il Napoli giocare con divertimento, si conoscono a memoria. Però hanno un grosso problema: l’infortunio di Milik potrebbe dare qualche problema in futuro. Roma-Napoli sarà una partita difficile. La Roma inizialmente è stata sottovalutata, non è stato dato credito a Di Francesco. E’ un grande allenatore, ma necessita di un po’ di tempo. Deve amalgamare la squadra e deve prendere credibilità con i propri giocatori. Allenare il Sassuolo è diverso rispetto ad allenare la Roma".