Spinazzola si prepara per tornare a giocare dopo l'infortunio
Spinazzola si prepara per tornare a giocare dopo l'infortunio

Roma, 3 settembre 2021- Comincia il contro alla rovescia per il ritorno in campo di Leonardo Spinazzola: il difensore si era infortunato nel corso dell'Europeo con l'Italia e, dopo l'operazione in Finlandia, aveva deciso si seguire gli azzurri con tutore e stampelle, diventando a modo suo uno degli eroi della finale. E oggi alla Gazzetta dello Sport si è dimostrato carico e già pronto per il ritorno in campo che potrebbe arrivare prima della fine dell'anno.

Un sogno interrotto

La Roma si stava già godendo il miglior Spinazzola: all'Europeo si è dimostrato come uno dei terzini più forti della competizione e Jose Mourinho non vedeva l'ora di poter lavorare con lui. Poi è arrivato l'infortunio, l'operazione e il lungo stop, l'ennesimo della sua carriera. Neanche questa volta il giocatore ha perso il sorriso e adesso attende solo il momento più opportuno per rimettere piede in campo. La Roma ha provato a sostituirlo acquistando Matias Vina, un ottimo rinforzo (anche lui al momento infortunato) che però è destinato presto a lasciare il posto a uno Spinazzola che già scalpita per poter cominciare il suo campionato con i giallorossi e riprendersi le soddisfazioni che l'estate gli ha tolto.

Ritorno atteso per dicembre

A svelare la durata del suo recupero è stato lo stesso Spinazzola nel corso di un'intervista: "Mourinho e Mancini già lo sanno: a novembre tornerò ad allenarmi e a dicembre sarò già in campo". Il giocatore quindi presto tornerà a lavorare a Trigoria per riprendere la condizione fisica e tornare a disposizione dei suoi allenatori prima della fine dell'anno, così da divere da protagonista i mesi più caldi con la Nazionale e con la Roma. E, a proposito dei giallorossi, il terzino non nasconde il grande obiettivo, quello di vincere uno scudetto: "Se succedesse, penso che però, la povera città di Roma dovrebbero rifarla dopo quel doppio festeggiamento".

Leggi anche:

Inter, Lautaro e Correa: show con l’Argentina