Lautaro Martinez esulta dopo il gol in Nazionale. Sullo sfondo, Lionel Messi
Lautaro Martinez esulta dopo il gol in Nazionale. Sullo sfondo, Lionel Messi

Milano, 3 settembre 2021 – E’ una Inter targato Argentina, e vale anche in nazionale. L’albiceleste vola alto grazie alle prodezze dei giocatori nerazzurri. Lautaro Martinez e Joaquin Correa, in gol a Verona, sono finiti sui tabellini anche nelle qualificazioni mondiali nel match vinto per tre a uno contro il Venezuela. Ma la nazionale è un problema per Simone Inzaghi che dovrà affrontare da 12 al 21 settembre quattro partite ravvicinate.

Toro e Tucu

Momento esaltante per Lautaro Martinez e Joaquin Correa. Dopo aver portato l’Inter alla rimonta a Verona, pareggio del toro, poi doppietta del tucu, i due hanno trascinato anche l’Argentina. Filtrante di Lo Celso per Lautaro e diagonale mancino, poi sponda di Lautaro per Correa e destro dal limite. Venezuela battuto. Ma gli impegni con le nazionali saranno un problema per Simone Inzaghi che avrà i sudamericani fuori fino a ridosso del match con la Sampdoria a Marassi.

Tour de force

 

Il calendario dell’Inter, come per le altre formazioni che giocheranno le coppe europee, inizierà a farsi caldo. A metà settembre ci sarà il debutto in Champions League e per il tecnico nerazzurro la preparazione al primo tour de force non sarà semplice. Prima del grande match di San Siro contro il Real Madrid fissato per il 15, ci sarà il 12 settembre la sfida di Marassi con la Samp, poi a seguire il 18 la partita in casa contro il Bologna dell’amico Sinisa Mihajlovic e il 21 la trasferta a Firenze. Sono quattro partite in nove giorni. Il problema è soprattutto la preparazione di Marassi. I sudamericani rientreranno tardissimo, considerando che l’Argentina giocherà nella notte tra giovedì e venerdì, un discorso simile che vale anche per Vidal con il Cile e Vecino con l’Uruguay, con una differenza: Lautaro e Correa sono titolari, Vidal e Vecino al momento no. Ecco allora che con la Samp, in vista Real, Inzaghi sarà quasi obbligato al turnover.

Leggi anche - Le pagelle di Italia-Bulgaria