11 mar 2022

Napoli, Osimhen: "Scudetto ancora possibile"

Il nigeriano tuona dopo il tonfo con il Milan: "Sconfitta dolorosa, ma lotteremo fino alla fine per un sogno"

giusy anna maria d'alessio
Sport
Victor Osimhen (Ansa)
Victor Osimhen (Ansa)

Napoli, 11 marzo 2022 - Sarà un caso o forse no, ma per ridare carica a un ambiente avvilito dopo la brutta sconfitta con il Milan ai microfoni di Radio Kiss Kiss si presenta Victor Osimhen, che rilancia le ambizioni scudetto del Napoli.

Milan, quante recriminazioni

"Noi crediamo ancora nel titolo e i tifosi devono fare lo stesso: siamo consapevoli della nostra forza e questo ci permetterà di affrontare le numerose partite complicate che ci aspettano da qui al termine del campionato". Si comincia domenica dal Verona. "Conosciamo le loro caratteristiche, che ovviamente si accentuano quando giocano davanti ai propri sostenitori: hanno qualità e non sarà facile, ma a noi interessa sempre e solo portare a casa l'intera posta in palio". Missione totalmente fallita con il Milan. "Quella sconfitta ci ha fatto male - ammette il nigeriano - anche se siamo consapevoli di non aver sfoderato una prestazione all'altezza della situazione. Nei giorni seguenti abbiamo poi analizzato i tanti errori commessi, ma quel tonfo resta molto duro da digerire: lo stesso vale per il contatto in area ai miei danni che ero convinto fosse da rigore". Così non è stato e ancora una volta, a fine partita, si è parlato di un Osimhen che spesso stecca gli appuntamenti decisivi: un neo che non impedisce all'ex Lille di essere considerato, all'ombra del Vesuvio e non solo, uno dei prospetti offensivi più interessanti. "Dietro alla mia crescita c'è sicuramente l'impatto con il calcio italiano. Ammetto che già prima avevo imparato molto osservando i giocatori più forti che giocano nel mio ruolo anche in altri campionati, ma so che comunque devo ancora migliorare tanto sotto vari aspetti".

Due sogni nel cassetto

Una mano in tal senso potrà arrivare da Spalletti. "Il mister è stato ed è tuttora fondamentale per la mia formazione e per quella dei miei compagni: ci ha sempre incoraggiato nei periodi complicati e in quelli in cui eravamo attanagliati dagli infortuni e sul piano personale mi sento onoratissimo di condividere questo tratto di carriera con lui". Per entrambi e per l'intero Napoli nei prossimi mesi all'orizzonte potrebbe esserci la musichetta della Champions League. "Giocare in quella competizione con la maglia azzurra è un grande sogno: qualcosa sull'atmosfera del Maradona me l'ha anticipato Koulibaly. Non vedo l'ora ma sappiamo che guadagnarci quel biglietto non sarà semplice". Discorso ancora più complesso per lo scudetto. "Vincere il titolo sarebbe incredibile sia per noi sia per i tifosi, che meritano di vivere questa emozione".

Napoli, Spalletti studia le soluzioni anti crisi
 

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?