Napoli-Liverpool, Lorenzo Insigne
Napoli-Liverpool, Lorenzo Insigne

Napoli, 11 dicembre 2018 - La notte della verità è arrivata: stasera il Napoli conoscerà il suo destino in Champions League e per continuare a sognare dovrà uscire indenne da Anfield, casa del Liverpool vice campione d'Europa.

Liverpool-Napoli in tv, formazioni e diretta dalle 21

GLI AZZURRI SONO QUALIFICATI SE... - In realtà le combinazioni a disposizione dei partenopei per staccare il pass per gli ottavi sono tante. Si comincia dall'ipotesi più semplice, quella che consentirebbe alla banda Ancelotti di non dover neanche guardare al risultato che maturerà tra Stella Rossa e Psg: se il Napoli vincesse o pareggiasse contro i Reds, la festa sarà garantita al di là dello score del Marakana. Diverso il discorso qualora ad Anfield il Liverpool la spuntasse: con questo scenario gli azzurri dovranno sperare nella vittoria dei serbi per qualificarsi a prescindere. Se invece il Psg trionfasse contro la Stella Rossa, il Napoli potrà perdere ma solo con un gol di scarto e segnandone almeno uno. In caso di pareggio al Marakana e di ko degli azzurri ad Anfield ci sarebbero 3 squadre a 9 punti: per avanzare in Champions League i partenopei potranno uscire sconfitti ma a patto di realizzare almeno 3 reti.

QUI NAPOLI - Per cercare di bissare l'impresa del match di andata, Ancelotti confermerà la formula finora vincente in Europa: oltre al ritorno di Ospina tra i pali, dietro toccherà alla difesa a ''tre e mezzo'' con Maksimovic a dare manforte al tandem Albiol-Koulibaly. La catena mancina sarà composta da Mario Rui e Callejon, mentre a destra agirà Fabian Ruiz, con Allan e Hamsik interni: in attacco il recente exploit di Milik non gli basterà per scalzare Mertens dal suo posto accanto a Insigne.

QUI LIVERPOOL - Se il Napoli è reduce dal netto 4-0 sul Frosinone, i Reds non sono da meno, avendo battuto con il medesimo risultato il Bornemouth: mattatore della serata è stato Salah, autore di una tripletta che ha lanciato i suoi in vetta alla Premier League. L'egiziano completerà con Firmino e Mané il tridente del 4-3-3 di Klopp, che a centrocampo vedrà in scena Milner, Henderson e Keita. La difesa dà qualche grattacapo al tecnico tedesco, che sarà costretto a rinunciare a Gomez e Lovren: davanti ad Alisson agiranno quindi Alexander-Arnold e Robertson sugli esterni e Van Dijk e Matip al centro. ''Né a Napoli né in Serbia abbiamo fatto bene - ha ammesso Klopp in conferenza stampa - ma se non ci saranno decisioni arbitrali strane ce la faremo: ci credo perché sappiamo che sarà una serata speciale grazie al nostro pubblico''.