Ancelotti indignato per via degli spogliatoi del San Paolo
Ancelotti indignato per via degli spogliatoi del San Paolo

Napoli, 11 settembre 2019 - La stagione del Napoli in casa sta per cominciare, ma non tutto va come previsto. Dopo aver chiesto di iniziare con le prime due giornate in trasferta per permettere alle istituzioni di sistemare il San Paolo, ritoccato in occasione delle Universiadi di quest'estate, Carlo Ancelotti si aspettava di trova l'impianto pronto per i prossimi impegni, ma non è stato accontentato. I lavori di ammodernamento non sono ancora stati completati e questo weekend il Napoli ospiterà la Sampdoria per la primissima partita in casa della stagione.

Ancelotti ha fatto conoscere tutto il suo sdegno attraverso un comunicato con cui se la prende con chi avrebbe dovuto consegnare alla squadra uno spogliatoio già pronto vista la quantità di tempo concessa per arrivare alla terza giornata preparati. Ecco le sue parole. 

“Ho visto le condizioni degli spogliatoi del San Paolo. Non ci sono parole. Ho accettato la richiesta della società di giocare fuori casa le prime due partite per consentire che i lavori si ultimassero, come era stato promesso. In due mesi si può costruire una casa, non sono stati in grado di rifare gli spogliatoi! Dove dovremmo cambiarci per giocare contro Sampdoria e Liverpool? Sono indignato per la scorrettezza e l’inadeguatezza di chi doveva eseguire questi lavori. Come hanno potuto Regione, Comune e Commissari disattendere gli impegni presi? Vedo un disprezzo e un non attaccamento alla squadra della città. Sono costernato".

Un Ancelotti furioso dunque a pochi giorni da Napoli-Sampdoria e Napoli-Liverpool, i primissimi impegni del nuovo San Paolo che ancor prima di cominciare già si ritrova a essere il centro delle prime polemiche dell'anno.