Kjaer (ANSA)
Kjaer (ANSA)

Milano, 7 maggio 2021 – Galvanizzato dal successo contro il Benevento, valso il ritorno tra le prime quattro della classifica, il Milan si è subito tuffato nella preparazione del big match di domenica sera contro la Juventus che mette in palio una fetta di Champions League e al quale i rossoneri si affacciano con spirito positivo, come ha spiegato oggi ai microfoni di Milan TV Simon Kjaer, perno della difesa di Pioli: “La settimana dal punto di vista della preparazione fisica è stata impegnativa. Ora il tempo c’è. Sul piano tattico abbiamo invece guardato molti video. Dobbiamo ancora limare qualche dettaglio ma le cose più importante sono la mentalità e lo spirito nello spogliatoio. Siamo sulla strada giusta e credo che sarà davvero una partita bellissima.

L’ostacolo Juventus e l’obbiettivo Champions

Dall’altra parte ci sarà una Juventus altrettanto desiderosa di vincere per non perdere terreno e quindi ai rossoneri è richiesta una prova di grande orgoglio, simile a quella dell’Old Trafford contro lo United: “Faremo il massimo per avere lo spirito, la qualità e l’aggressività messi in campo in quella partita. Ora la pressione è tanta e dobbiamo far vedere chi siamo. Spero che a Torino faremo una grande partita. Le sensazioni sono positive perché sento la fame e la voglia di vincere aggredendo la partita per arrivare al nostro obbiettivo. Sono consapevole, però, che non sarà facile perché la Juve è sempre la Juve nonostante un campionato difficile. Hanno giocatori di qualità ed esperienza. Giocano in casa e sarà quindi ancora più difficile batterli ma in passato ci siamo già riusciti. Dovremo pensare positivo e andare là pensando che sarà una partita tosta, fisica, tattica. Credo però che siamo pronti”. L’obbiettivo, come più volte sottolineato dai rossoneri, resta la conquista di un posto in Champions League: “Andiamo avanti puntando a vincere questa partita e con l’obbiettivo di tornare in Champions, che è sempre stato ciò a cui aspiravamo”.

Leggi anche - Juventus, Kulusevski: "Sapevo che non sarebbe stato facile. Chi tolgo al Milan? Ibra"