Hakan Calhanoglu esulta (Ansa)
Hakan Calhanoglu esulta (Ansa)

Milano, 1 maggio 2021 - Dopo due sconfitte consecutive il Milan rialza la testa e lo fa con un gol per tempo contro il Benevento, steso dalle reti siglate al 6' da Calhanoglu e al 61' da Theo Hernandez. Nel mezzo tante chance sprecate dai rossoneri anche grazie a un super Montipò che tuttavia non ha potuto evitare a Inzaghi un ritorno amarissimo in quello che per tanti anni è stato il suo stadio.

Primo tempo

Il Milan passa praticamente al primo affondo: è il 6' e Calhanoglu dialoga con Saelemaekers prima di usufruire del velo di Kessié e trafiggere al volo Montipò. Quest'ultimo al 14' si oppone alla grande alla conclusione da posizione defilata di Saelemaekers, che aveva ricevuto la sfera dopo un'azione orchestrata da Ibrahimovic e Leao. Le prime tracce di Benevento si vedono al 16', quando Ionita scocca una potente conclusione dalla distanza che obbliga Donnarumma a rifugiarsi in corner. Sul ribaltamento sono ancora pericolosi i rossoneri, che dopo una ripartenza mandano al tiro Leao: Montipò risponde ancora presente. I ritmi del match calano e per assistere a una nuova occasione da gol bisogna aspettare il 37', quando Theo Hernandez penetra in un buco della difesa ospite e calcia dal cuore dell'area di rigore: ancora una volta Montipò è attento. La partita si anima su entrambi i fronti in pieno recupero: prima Lapadula incorna sul fondo il cross di Depaoli e poi Ibrahimovic vede spegnersi sui piedi di Montipò la sua conclusione da posizione defilata.

Secondo tempo

Il duello si ripropone all'alba della ripresa ed è vinto ancora dal portiere ospite. Il Benevento replica con Lapadula, la cui girata su suggerimento di Improta si spegne sul fondo: al 50' a provarci dalla distanza è Dabo, ma l'esito è il medesimo. Sul ribaltamento il Milan guadagna un corner che fa da prologo al colpo di testa troppo debole di Tomori. I ritmi si alzano e le due formazioni non si risparmiano alcun colpo: da un lato ci prova Iago Falque con una botta dal limite, dall'altro lo imita Calhanoglu ma entrambi non hanno fortuna. Al 56' si ripete la sfida nella sfida tra Ibrahimovic e Montipò e ancora una volta a trionfare è il portiere sannita, che chiude lo specchio allo svedese e mette la sfera in corner. Il raddoppio del Milan sembra non voler arrivare almeno fino al 61', quando Theo Hernandez ribadisce in rete con un tap-in facile facile la sfera dopo che Montipò aveva respinto l'ennesimo tentativo di Ibrahimovic. Il Benevento cerca di rientrare in partita con il solito Lapadula, che prima ci prova di testa e poi serve Insigne, il cui tiro a giro dal limite si spegne sul fondo, così come sull'altro fronte il tentativo di Brahim Diaz sul quale cale il sipario di un match che sorride al Milan.

Leggi anche - Serie A, Verona-Spezia 1-1