Mancini
Mancini

Vilnius (Lituania), 31 marzo 2021 - Tre su tre per l'Italia nelle qualificazioni ai Mondiali 2022. Altro giro, altro 2-0 per gli Azzurri, che pur non brillando stendono la Lituania (gol di Sensi e Immobile nella ripresa). Per Roberto Mancini, oltre alla soddisfazione per un percorso finora netto, anche quella per aver ripreso Marcello Lippi in fatto di gare consecutive senza sconfitte. Sono 25 (20 successi e cinque pareggi) per la Nazionale del ct jesino, come furono 25 fra il 2004 e il 2006 con l'ex allenatore della Juventus sulla in panchina. "Sarei contento di eguagliare Lippi a dicembre 2022...Per adesso posso essere felice perché siamo in testa al gruppo (+3 sulla Svizzera, che tuttavia ha una partita in meno), ma resta una cosa fine a se stessa", il commento del Mancio a fine gara. 

"Più veloci nella ripresa"

"Era la terza sfida in sette giorni, abbiamo cambiato tutti i giocatori ma sapevamo che avremo avuto delle difficoltà, considerando anche il campo difficile. Vincere era la cosa più importante. Se avessimo realizzato quanto creato, avremmo sofferto meno - l'analisi del ct - Tre giorni fa la Svizzera in casa e su un campo normale ha vinto di misura con la Lituania. Ogni gara è difficile. I ragazzi non possono avere la stessa brillantezza di sempre. In certe occasioni abbiamo rischiato, non eravamo messi benissimo. Abbiamo commesso anche qualche errore tecnico di troppo". Fra primo e secondo tempo si è vista comunque un'altra Italia. "Noi eravamo un po' lenti a girare il pallone. La Lituania per me è una buona Nazionale. Poi nella ripresa ci siamo velocizzati e abbiamo avuto tante palle gol, sbagliandone molte purtroppo". 

Leggi anche: Confermati i cinque cambi per Euro 2020