Simone Inzaghi
Simone Inzaghi

Roma, 3 ottobre 2020 - Non c’è tempo per fermarsi. Col mercato che vive le sue ultime ore calde e la sconfitta dolorosa con l’Atalanta da mettere alle spalle, la Lazio continua a preparare la prossima sfida di campionato contro l’Inter. Un altro impegno importante, prima della sosta per le nazionali, che Inzaghi dovrà affrontare in grande emergenza, soprattutto per quanto riguarda il reparto arretrato. Il tecnico biancoceleste intervenuto in conferenza stampa, ha così presentato la gara: ”Sappiamo che tutti noi abbiamo fatto un ottimo percorso, siamo agli inizi, ci sono subito questi due scontri diretti immediati. Mercoledì sera abbiamo giocato abbastanza bene, con errori che non ci possiamo permettere. La buona gara non è bastata, con l'Inter dovremo fare meglio e tenere altissima la concentrazione. Dovremo cercare di fare una partita perfetta. L'Inter è una squadra molto fisica, tosta da affrontare, con un ottimo allenatore e tanti giocatori da ruotare. Servirà più concentrazione di mercoledì". 

Tante le aspettative intorno alla squadra biancoceleste, dopo la scorsa stagione in cui per un lungo periodo in campionato si è imposta come anti-Juventus: "Giusto che ci siano, veniamo da un'esaltante stagione, abbiamo vinto un trofeo e siamo tornati in Champions. Sapevamo di poter incontrare dei problemi nelle prime 3 partite, dobbiamo andare oltre per cercare domani sera di fare una gara importante contro una squadra forte”. Poi sull’undici che scenderà in campo, Inzaghi non si sbilancia: "Le valutazioni le faremo oggi, devo vedere come hanno recuperato Immobile e Caicedo da mercoledì. Valutare anche come sta Correa, ho dei ballottaggi, vedremo con la seduta di oggi”. In difesa invece le scelte sembrano obbligate con Patric, Acerbi e Bastos, quest'ultimo ancora in uscita, a comporre il terzetto. Chiosa finale sul mercato: "Non parlo di giocatori che non sono qui, il ds lavora 24 ore al giorno. Lui sa il da farsi, spero che il mercato si chiuda al più presto, in modo che tutti possano essere concentrati esclusivamente sul campo e sulla propria professione”.