Max Allegri
Max Allegri

Torino, 7 dicembre 2018 - Primo tempo difficile, poi grande ripresa. Questo è il sunto delle dichiarazioni di Massimiliano Allegri a Sky nell’immediato post partita. Concretezza e lucidità, le chiavi del successo Juve sull'Inter, risultato che continua a sigillare a doppia mandata lo Scudetto: “Stasera l’Inter ci ha messo in difficoltà soprattutto nel primo tempo, ma faccio i complimenti ai ragazzi perché hanno fatto una grande partita – ha affermato - Nel secondo tempo con Mandzukic a sinistra Dybala ha giocato molto meglio e siamo riusciti a fare un match diverso concedendo poco all’Inter e creando noi tante occasioni. Stasera dovevamo fare una partita efficace e concreta, il campionato non finiva oggi e assolutamente non dovevamo perdere questo match. Mandzukic? Io i giocatori li valuto per quello che vincono, il Bayern con lui ha fatto il triplete”. Tra i grandi protagonisti Cancelo: “Ha un po’ sofferto Politano nel primo tempo, poi è nettamente migliorato sul piano difensivo e sul gol è stato bravo a metterla sul secondo palo. Avevo chiesto di scavalcare la fisicità di Miranda e Skriniar e sfruttare la nostra superiorità sui terzini avversari”. Ma Allegri non lascia spazio a troppe gioie in ottica Scudetto: “Era una partita da non perdere, è stata vinta, rimarremo al massimo a più otto ed è un successo in meno nella corsa verso il tricolore”.

TROPPI ERRORI – Molto critico sulla prestazione nerazzurra il tecnico Spalletti. La sua Inter non gli è piaciuta per attenzione, letture e gioco. La dura analisi dell’allenatore di Certaldo: “Non abbiamo fatto abbastanza bene per fare punti e queste partite si decidono anche sulle interpretazioni – ha attaccato Spalletti - La Juve sulle interpretazioni non sbaglia mai niente. Noi invece abbiamo sbagliato tanto in fase di possesso, troppi errori anche nell’attaccare la loro linea difensiva. Serve essere costanti per novanta minuti, a volte le letture sono approssimative. Icardi? Ha fatto quello che doveva fare, stasera è stato molto più bravo di altre volte a creare superiorità numerica e dare appoggio”. L’analisi della rete di Mandzukic: “Sul gol c’è stata la palla alle spalle e la linea difensiva era disallineata. Ci succede di diventare leggeri e in quei momenti si rischia di andare sotto e dopo recuperare è dura. In quella occasione alcuni giocatori stavano ancora parlando al momento del calcio, poi tutto a cascata è arrivato il gol. La sostituzione di Politano? I cambi li sbaglio tutti…”.