6 mag 2022

Manchester City, Guardiola: "Non mi hanno mai chiesto di vincere la Champions"

Il tecnico catalano dopo l'eliminazione ad opera del Real Madrid: "L'importante è provarci di nuovo la prossima stagione"

francesco bocchini
Sport
Pep Guardiola
Pep Guardiola

Milano, 6 maggio 2022 - "Non ci sono parole che ci aiutino a stare meglio. Solo il tempo potrà farlo. Dobbiamo riposare al meglio e pensare al prossimo obiettivo. Domani ci ritroveremo per la prima volta e parleremo di quello che abbiamo fatto e di cosa abbiamo ottenuto raggiungendo le semifinali di Champions League. Parleremo di quanto abbiamo fatto bene in queste ultime due partite e per tutta la stagione. Da allenatore, questi sono i momenti che mi rendono più orgoglioso". Pep Guardiola, così come tutto il Manchester City, si lecca le ferite dopo la clamorosa eliminazione subita in semifinale di Champions per mano del Real Madrid, quando l'obiettivo era a meno di un passo. 

Coppa stregata

Non facile riprendersi da una batosta simile. Anche perché, più passano le stagioni, più la Coppa dalle grandi orecchie sembra stregata per i Citizens, che nella scorsa annata si arresero in finale al Chelsea. "Quando la vinceremo? Non posso rispondere, il calcio è imprevedibile. Lo sceicco Mansour non ha acquistato questo club e ha investito in queste strutture negli ultimi anni solo per vincere la Champions League - spiega il tecnico catalano - Lo ha fatto per essere competere fino alla fine in tutti i tornei. Vogliamo vincere la Champions ma nessuno può dire se ce la faremo. Dobbiamo lottare per ogni competizione. Per noi è un onore ma la gente non apprezza quello che fa questo club. Penso che sia davvero straordinario essere arrivati di nuovo in semifinale; dobbiamo migliorare e competere contro i grandi club, sia in casa che in trasferta. Eravamo vicini all'obiettivo ma il Real Madrid se lo è meritato. L'importante è provarci di nuovo la prossima stagione".

Pressione

Ma intanto la pressione sulle spalle di Guardiola aumenta inevitabilmente. "Fin dal primo giorno - continua l'ex Barcellona - ho dovuto fare i conti con il fatto che dobbiamo vincere la Premier League, la FA Cup, le semifinali di Champions League...Abbiamo vinto la Coppa di Lega quattro volte di seguito. Dalla proprietà non mi hanno mai chiesto alcun titolo, ma ci hanno chiesto che giocassimo al meglio contro qualsiasi avversario".

Leggi anche: Roma, Mourinho il re delle finali europee

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?