L'infortunio di Demiral
L'infortunio di Demiral

Torino, 13 gennaio 2020 - Purtroppo le prime sensazioni sono state confermate: Merih Demiral si è rotto il legamento crociato durante Roma-Juventus, come comunicato dalla società bianconera. "Nel corso della partita di ieri sera Merih Demiral ha riportato la distorsione del ginocchio sinistro - si legge nella nota - Gli accertamenti diagnostici eseguiti questa mattina presso il J|Medical hanno evidenziato la lesione del legamento crociato anteriore con associata lesione meniscale. Sarà necessario intervenire chirurgicamente nei prossimi giorni". I tempi di recupero? Dai cinque ai sei mesi, il che significa che la stagione del difensore ex Sassuolo è sostanzialmente finita. 

Una pessima notizia ovviamente per il ragazzo, che potrebbe essere costretto anche a saltare gli Europei, ma pure per la Vecchia Signora, che aveva trovato in Demiral una certezza. La serata dell'Olimpico è stata da montagne russe per il classe '97: prima la rete del momentaneo 0-1, poi al 19' il salto che ha portato all'infortunio. Infortunio che è arrivato nel momento migliore del numero 28, titolare in tutte le ultime sei uscite. Maurizio Sarri, complice le non perfette condizioni di Matthijs de Ligt, aveva scelto di affidarsi a lui e Demiral ha risposto presente, risultando sempre fra i più positivi con prestazioni contraddistinte da pochissime sbavature, figlie comunque della tanta aggressività, caratteristica peculiare del nazionale turco. 

Adesso, Sarri dovrà fare di necessità virtù: de Ligt, entrato alla grande contro la Roma, è la soluzione più ovvia, ma anche la permanenza di Daniele Rugani e di Emre Can, che potrebbe essere adattato, a questo punto diventa fondamentale. A meno che la dirigenza non intervenga sul mercato. All'orizzonte c'è pure il rientro di Giorgio Chiellini. Il capitano bianconero dovrebbe tornare a disposizione magari per l'andata degli ottavi di Champions League (il 26 febbraio il match d'andata con il Lione) oppure per la sfida Scudetto con l'Inter, in programma per il primo marzo. Fino ad allora spazio e fiducia alla coppia Bonucci-de Ligt.