Moise Kean
Moise Kean

Milano, 23 aprile 2020 – Beppe Marotta e Mino Raiola, chissà che non possa rinascere una collaborazione importante. I tempi trascorsi alla Juventus per l’attuale amministratore delegato nerazzurro sono stati infarciti anche di rapporti di lavoro con il noto procuratore, sicuramente uno dei migliori su piazza per quanto riguarda gli interessi dei propri assistiti. E nella sua scuderia c’è un giocatore in cerca di rilancio, che non ha trovato particolare fortuna in Premier League ma che in Italia, proprio alla Juve, aveva messo in mostra cose strabilianti.

Pazza idea Kean

Nemmeno Carlo Ancelotti è riuscito a rilanciare le quotazioni di Moise Kean, fermo in stagione, prima del lockdown, a 23 partite giocate – solo 4 da titolare – con 1 gol e 2 assist. Ci si aspettava di più da lui, pagato dall’Everton 27.5 milioni di euro e con tutta una carriera davanti. Ma la sua giovane età consente ai club di puntare ancora su di lui, sia nell’immediato ma soprattutto nel futuro. Kean è un millenials, ha appena vent’anni e probabilmente può rientrare in Italia più maturo e in un campionato che più gli si addice, trovando quella consacrazione che il suo talento consentirebbe. Ecco allora l’ipotesi Inter, che grazie a Marotta può tornare a fare affari con Raiola, aspetto che non accadeva dai tempi di Mario Balotelli. Dall’Inghilterra sono sicuri delle intenzioni dell’Inter: sarebbero pronte 25 milioni di sterline, quasi 29 milioni di euro.

No Lautaro? Barcellona su Werner

Ma il tetris del mercato degli attaccanti non è finito. Prosegue il forcing blaugrana per Lautaro Martinez, ma l’Inter tiene duro e non accetta sconti dalla clausola, consapevole che quella cifra, dopo la recessione, sarà alta anche per un colosso come il Barcellona. Ecco allora che i catalani, secondo Mundo Deportivo, si starebbero muovendo in direzione di Timo Werner del Lipsia, attaccante seguito anche dall’Inter in caso di partenza di Lautaro. Ma con la nuova pista Kean, che può essere anche una trattativa indipendente dalla cessione dell’argentino, l’Inter potrebbe scegliere di affidarsi ad una punta che già conosce il calcio italiano e che ha già dimostrato di poter segnare con costanza. Marotta e Raiola, un binomio di nuovo in auge?