Atalanta-Milan 2-3 (Ansa)
Atalanta-Milan 2-3 (Ansa)

Bergamo, 3 ottobre 2021 – Il Milan passa a Bergamo 3-2 grazie a una grande prova di qualità e maturità e tiene la scia del Napoli. Una prestazione che ha lasciato comprensibilmente soddisfatto mister Stefano Pioli, apparso raggiante ai microfoni di Dazn: “Siamo stati protagonisti di una grandissima prestazione perché abbiamo giocato con qualità, intensità ed energia. Questa vittoria è molto pesante perché arriva a conclusione di un periodo molto impegnativo, nel quale però la squadra ha sempre reagito anche dopo una sconfitta. Stiamo crescendo e dobbiamo continuare su questa strada”. Il tecnico rossonero ha elogiato quindi la prestazione dei suoi ragazzi: “Da due anni giochiamo in questa maniera e otteniamo risultati importanti, ma l’importante è restare umili. Conoscevamo l’Atalanta e abbiamo provato ad alleggerire il centrocampo creando anche situazioni favorevoli. E’ quello che ci è mancato nella prima mezz’ora a Liverpool, dove non siamo stati dinamici”. Parole di elogio anche per Franck Kessié, protagonista di una grande prova dopo un periodo difficile: “Non ho mai avuto dubbi sulle sue qualità e sul suo atteggiamento. Ha soltanto bisogno di più tempo per la sua struttura fisica, ma è coinvolto nel nostro lavoro. Oggi ha giocato una gara strepitosa che mi ha ricordato quelle dello scorso anno”. Kessié e il Milan ci sono e vogliono essere protagonisti fino alla fine: “La Champions ci ha aiutato a capire l’importanza di intensità e qualità. Il club mi ha sostenuto e aiutato. Abbiamo identità di ambizioni. Il Napoli per ora è davanti a noi. La Juventus recupererà terreno e Roma e Inter sono fortissime ma noi vogliamo dire la nostra fino in fondo”.

Atalanta-Milan 2-3, rivivi la diretta

Classifica Serie A - Calendario e risultati

Gasperini elogia il Milan

Rende invece onore al Milan l’allenatore dell’Atalanta, Giampiero Gasperini: “Abbiamo subito un gol a freddo e uno a fine primo tempo ma nel mezzo abbiamo anche avuto la possibilità di pareggiare i conti. Se fossimo riusciti a chiudere il primo tempo sotto solo 1-0 forse avremmo potuto cercare di riequilibrarla. Con il raddoppio, nella ripresa, è subentrata un po’ di sfiducia che ha reso il tutto più difficile. Loro sono stati bravi a ripartire e la partita per il Milan si è messa nel modo migliore. In certe situazioni non siamo stati particolarmente fortunati, come in occasione dell’infortunio di Pessina ma ora gira così. Ho visto comunque un Milan molto forte, veloce e in possesso di caratteristiche che in Italia non si vedono”.