Sergio Rodriguez (LaPresse)
Sergio Rodriguez (LaPresse)

Madrid (Spagna), 8 gennaio 2021 – L’Armani AX Milano riscatta i ko patiti contro Baskonia e CSKA e, non paga dell’impresa compiuta all’andata, si concede il bis superando il Real Madrid anche nel primo match del girone di ritorno di Eurolega: l’Olimpia è infatti riuscita a sbancare il campo di casa madrileno dopo sedici anni imponendosi per 76-80 nonostante le assenze di Vlado Micov e Shavon Shields. A spaccare in due il match è stato un tramortente parziale di 19-2 piazzato nei primi 7’ del terzo quarto dall’Olimpia, oggi trascinata da Sergio Rodriguez, uno degli ex di serata che ha chiuso con un bottino di 17 punti e 6/8 dal campo, Malcolm Delaney (14 punti) e Zach LeDay (12 punti). A dir poco preziose e chirurgiche, però, anche le prestazioni di Gigi Datome (9 punti con il 100% al tiro) e di un Moraschini granitico sotto i tabelloni (10 rimbalzi per lui). Dall’altra parte il Real, oggi orfano di due big come Sergio Llull e Rudy Fernandez, ha cercato fino all’ultimo di restare in scia aggrappandosi a un tarantolato Jaycee Carroll (20 punti) e a Trey Thompkins (13 punti).

Il match

La gara ha preso quota dopo un primo tempo giocato sul filo dell’equilibrio e ad alta intensità (39-39 al 20’): Milano in uscita dagli spogliatoi ha infatti chiuso in maniera impeccabile le maglie difensive (2 soli punti siglati dal Real nei primi 7’ del terzo quarto), alzando in maniera perentoria il livello dell’energia e colpendo in attacco con Tarczewski, Punter e Delaney che hanno spianato la strada al parziale di 19-2 che ha fatto sprofondare i “Blancos” a -17. Sul 41-58 però è arrivata la reazione madrilena affidata a Carroll che ha dato il Là alla rimonta, culminata nel -3 firmato dal neoacquisto del Real, Alex Tyus, a 5’27 dalla fine. I rimbalzi di Moraschini e i canestri finali di Delaney, LeDay e Rodriguez hanno però scacciato definitivamente lo spettro della beffa.

Leggi anche - Calciomercato, l'Inter piomba su Caicedo. Napoli verso la cessione di Ruiz