Leonardo Candi, esterno della Unahotels Reggio Emilia (Ciamillo-Castoria)
Leonardo Candi, esterno della Unahotels Reggio Emilia (Ciamillo-Castoria)

Roma, 16 dicembre 2020 – Erano ben tre i recuperi della Serie A di basket in programma quest’oggi. A Desio è arrivato il prezioso successo dell’Acqua San Bernardo Cantù che, nonostante la perdurante assenza di Jamie Smith, ha piegato 73-67 l’Allianz Trieste e si è staccata di due lunghezze dalla coda del gruppo. A griffare il successo brianzolo ci hanno pensato Sha’markus Kennedy con una preziosa doppia doppia (26 punti e 11 rimbalzi), Jazz Johnson (15 punti) e James Woodard (13). Dopo un primo tempo non scoppiettante e chiuso a +3 (34-31), Cantù, pur faticando ancora a trovare la giusta fluidità offensiva, è riuscita ad allungare, spinta da Pecchia, fino al 47-37. Trieste non ha però mai mollato e, dopo aver accorciato le distanze (47-41 a 10 dalla fine), ha piazzato la zampata del sorpasso con Delia, Henry e Cavaliero al culmine di un break complessivo di 12-0. Un controbreak di 10-0 ispirato da Kennedy (11 punti nel quarto quarto) e Johnson ha però ridato l’inerzia del match ai padroni di casa che nel finale hanno retto l’urto.

Vincono anche Treviso e Reggio Emilia

Rialza subito la testa dopo il ko di Sassari, invece, la De’ Longhi Treviso che ha interrotto la striscia vincente della Vanoli Cremona battendola 101-90. Protagonista assoluto del successo trevigiano è stato David Logan, autore di 26 punti con 7/9 da due e 4/9 da tre. Lo strappo decisivo è arrivato nella seconda frazione (30-19 di parziale) quando i veneti hanno espresso un ottimo gioco corale sul piano offensivo, hanno dominato sotto le plance e sono arrivati fino al +14 (49-34), ma la Vanoli non ha mai mollato la presa e, dopo essere finita anche a -17 a inizio ripresa, si è fatta aiutare da TJ Williams e Lee per rialzare la testa e riportarsi a -6 all’alba del quarto quarto (79-73). Le stoccate finali di Logan e Russell hanno però spento le speranze lombarde. Primo stop per coach Luca Dalmonte sulla panchina della Fortitudo Lavoropiù Bologna che, dopo aver superato Pesaro, è stata battuta in rimonta per 79-69 dalla Unahotels Reggio Emilia. Non poco, nel giorno del debutto in biancoblu di Dario Hunt (5 punti in 9’ giocati), il rammarico dei biancoblu che spinti da Ethan Happ (17 punti e 12 rimbalzi) e Wesley Saunders (17 punti), hanno tentato l’allungo nel terzo quarto arrivando a +15 (43-58). Le stilettate dalla lunga di Joshua Bostic e di uno straripante Brandon Taylor (28 punti con 6/8 dalla lunga) hanno però riportato ben presto Reggio in carreggiata e ispirato un break di 13-0 per il -2 all’alba del quarto quarto (56-58). Una tripla dello stesso Bostic poco più tardi ha poi consegnato ai biancorossi la testa del match che non hanno più perso.