Jakob Fuglsang (Ansa)
Jakob Fuglsang (Ansa)

Alto de la Cubilla, 9 settembre 2019 - La tappa 16 della Vuelta 2019 regala il meritato riscatto a Jakob Fuglsang, reduce da una stagione molto sfortunata sul piano degli infortuni. Il danese dell'Astana, in fuga dal mattino, ha liquidato il resto della comitiva sulle ultime rampe della salita finale della frazione che rafforza ulteriormente la leadership di Primoz Roglic: lo sloveno, nonostante un piccolo momento di difficoltà dopo le rasoiate di Miguel Angel Lopez, si conferma il padrone di una Vuelta ancora amara per Nairo Quintana, in crisi e scavalcato in graduatoria pure da Rafal Majka. Non brilla neanche Alejandro Valverde, che perde 24'' da un Roglic che può godersi serenamente l'ultimo giorno di riposo della corsa rossa, in programma domani.

Aggiornamento: classifica dopo la tappa 17

Tappa 16, le pagelle di Angelo Costa

La tappa di oggi

Ancora una frazione in salita per la carovana rossa, che nei 144 km da Pravia all'Alto de la Cubilla incontrerà due GPM di prima categoria e uno, quello conclusivo, di categoria speciale. Dopo tanti tentativi non andati a buon fine, sull'ascesa verso Puerto de San Lorenzo (10 km all'8,5%) la fuga di giornata prende il largo: a partire sono Imanol Erviti (Movistar), Geoffrey Bouchard (AG2R La Mondiale), Jakob Fuglsang, Luis Leon Sanchez (Astana), Mark Padun (Bahrain-Merida), Rémi Cavagna, James Knox, Max Richeze, Philippe Gilbert (Deceuninck-Quick-Step), Romain Seigle (Groupama-FDJ), Thomas De Gendt (Lotto-Soudal), Damien Howson (Mitchelton-Scott), Amanuel Ghebreizhabier (Team Dimension Data), Tao Geoghegan Hart (Ineos), Nikias Arndt (Sunweb), Gianluca Brambilla, Nikias Eg (Trek-Segafredo), Valerio Conti (UAE Team Emirates), Angel Madrazo (Burgos BH), Fernando Barceló e Mikel Bizkarra (Euskadi-Murias). Questo drappello si presenta sull'Alto de la Cobertoria (8,3 km all'8,2%) con un vantaggio di 7' sul gruppo maglia rossa, spettatore a distanza dei continui scatti e controscatti che animano i battistrada, rimasti in 18. Il gap cresce fino a 9' all'inizio della lunga salita dell'Alto de la Cubilla (18 km al 6%), sulla quale davanti provano a fare il vuoto Sanchez, Knox, Geoghegan Hart, Brambilla e Fuglsang: questi ultimi due salutano la compagnia, ma l'azione del danese è più pimpante al punto che per lui, dopo le amarezze del Tour de France, arriva il meritato successo.

Nel gruppo maglia rossa succede quello che non ti aspetti: se il naufragio di Nairo Quintana è ormai una consuetudine, l'immagine di un Primoz Roglic in affanno è un inedito assoluto. Il merito è delle due rasoiate inferte da Miguel Angel Lopez che però, come al solito, non dà continuità all'azione e si fa rimontare proprio dal leader della classifica, seguito da Tadej Pogacar. Chi invece fa fatica è Alejandro Valverde, che infatti sul traguardo paga un ritardo di 24'' dai rivali di una graduatoria comandata ancora da Roglic, capace di reagire anche ai primi piccoli cedimenti. Notte fonda invece per Quintana, che vede il suo gap dalla maglia rossa aumentare di altri 2'30'', con il podio di Madrid sempre più lontano.

Ordine d'arrivo della tappa 16

1) J. Fuglsang (AST) in 4h01'22''
2) T. Geoghegan Hart (INS) +22''
3) L. L. Sanchez (AST) +40''
4) J. Knox (DQT) +42''
5) G. Brambilla (TFS) +1'12''
6) T. De Gendt (LTS) +2'09''
7) M. Bizkarra (EUS) +2'15''
8) A. Ghebreigzabhier (TDD) +2'21''
9) P. Gilbert (DQT) +2'32''
10) G. Bouchard (ALM) +2'32''

Classifica generale Vuelta 2019

1) P. Roglic (TJV) in 62h17'52''
2) A. Valverde (MOV) +2'48''
3) T. Pogacar (UAD) +3'42''
4) M. A. Lopez (AST) +3'59''
5) R. Majka (BOH) +7'40''
6) N. Quintana (MOV) +7'43''
7) N. Edet (COF) +10'27''
8) W. Kelderman (SUN) +10'34''
9) C. F. Hagen (LTS) +10'40''
10) H. Pernsteiner (TBM) +12'05''