Fabio Aru
Fabio Aru

Bologna, 7 gennaio 2021 – Il 2021 di Fabio Aru è ripartito dal vecchio amore, cioè il ciclocross. Lo scalatore sardo ha preso parte al Giro d’Italia ottenendo discreti piazzamenti e risultando competitivo con i migliori interpreti italiani. E ora c’è il mondiale a fine gennaio di Ostenda, con il commissario tecnico Fausto Scotti che pensa alla convocazione del sardo.

Aru ha corso bene

Positivo il Giro d’Italia di Aru che è tornato a divertirsi, in un percorso iniziato a ottobre come confermato dal ct Scotti: “Aru mi ha contattato ad ottobre, voleva ripartire da ciò che lo faceva stare bene – ha affermato a Tuttobiciweb – Il suo divertimento è aumentato strada facendo e mi ha chiesto di poter partecipare a qualche gara. Si sta divertendo ed è questo che mi importa, ma soprattutto sta correndo bene”.

Ipotesi Mondiale

 

Ma lo sguardo di Fabio Aru è rivolto non solo a tornare sui suoi livelli su strada e nelle corse a tappe, ma anche al mondiale di ciclocross di fine gennaio. Il commissario tecnico Scotti lascia la porta aperta: “Fabio sta andando bene e oggi non posso né escluderlo né confermarlo per i mondiali – ha ammesso – Dobbiamo vedere come andranno i campionati italiani ma in generale non possiamo decidere da soli. Verificheremo i programmi della sua squadra e valuteremo, per il momento è importante che si stia divertendo. In salita sta andando bene e a guardarlo sembra che non abbia mai smesso con il cross”.

Leggi anche - Aru, vicina la chiamata al Mondiale di ciclocross