Venerdì 21 Giugno 2024
GIORGIA DE CUPERTINIS
Vinitaly

Vinitaly 2023, la terza giornata. Record di top buyer da 68 nazioni

Oltre 10mila appuntamenti d’affari già fissati prima dell’inizio della rassegna tra aziende e professionisti del comparto, grazie al sistema di matching online.

Verona, 4 aprile 2023 - Una terza giornata di Vinitaly a gonfie vele. Dove le oltre quattromila aziende presenti continuano, tra i padiglioni della fiera, a condurre un percorso all’insegna del business. Una filiera a tutti gli effetti strategica per l’economia del Paese, dove le singole regioni presentano i loro prodotti migliori e puntano a intensificare, sempre di più, il legame tra territorio e consumatore finale. Il numero di operatori attesi soltanto dall’estero conta di superare le 25mile presenze, da oltre 130 paesi (dato 2022).

Ma intanto, è già record con 1.000 top buyer da 68 nazioni in arrivo a Verona: un contingente di super-acquirenti selezionati, invitati e ospitati da Veronafiere in collaborazione con ICE Agenzia, cresciuto del 43% rispetto all’anno precedente.

Un’edizione di Vinitaly, quindi, a tutto business, con oltre 10mila appuntamenti d’affari già fissati prima dell’inizio della rassegna tra aziende e professionisti del comparto, grazie al sistema di matching online. Vinitaly, infatti, anche quest’anno fa rima con innovazione, incontri e Made in Italy. Ma anche con arte ed economia.

La mostra

L’etimologia della parola cultura, infatti, deriva dal latino colere, ovvero coltivare: l’ennesima conferma che anche il vino può essere arte e, anche l’arte, può avere come protagonista il vino. Così come accade nella mini-mostra ‘Bacco Divino’ allestita all'interno dello spazio “Italia - Spazio espositivo” nel padiglione del Masaf (Ministero dell'agricoltura, della sovranità alimentare e delle foreste), che ha come protagonisti due celebri affreschi, il “Bacco” di Guido Reni e quello di Caravaggio: il primo è un sorridente bambino - un giovanissimo Bacco, per l’appunto - con la sua caratteristica ghirlanda di foglie di vite e grappoli d'uva rossi e bianchi di varie specie, coperto da una pelle d'animale che ci ricorda la sua esistenza silvana.

Il secondo, invece, venne eseguito da Caravaggio in età relativamente giovanile: Bacco è a fianco a una cesta ricolma di frutta. Il secondo, invece, venne eseguito da Caravaggio in età relativamente giovanile: Bacco è a fianco a una cesta ricolma di frutta, in parte lucente e in parte già ammaccata, una chiara allusione al tempo che passa. Dagli Uffizi fino ai padiglioni di Veronafiere, l’arte continua così ad attirare appassionati e turisti anche durante la terza giornata in programma, che sotto il cielo di Verona dà vita a un piccolo museo aperto, dove la cultura e la passione per il vino è “a domicilio”.

La ricerca

Calice dopo calice, anche i numeri giocano un ruolo fondamentale in questa partita: a emergere durante la terza giornata del Vinitaly, sono infatti ulteriori cifre. I dati dell'Osservatorio Uiv-Vinitaly sottolineano, infatti, come in un mercato export trainato dagli spumanti (+6% i volumi nel 2022), in cui i bianchi fermi (+1,3%) e i rosati hanno tenuto, il vino rosso in Italia 'soffre' (-4,3% le quantità esportate), con cali evidenti in particolare nei principali Paesi della domanda (Germania a -5%, Usa -6% e UK -8%).

Ma la ricerca non nasconde alcune sorprese: le categorie premium (da 6 a 9 euro/litro in cantina) e superpremium (oltre i 9 euro) conquistano quote di mercato molto importanti negli ultimi 12 anni. Per esempio, nel 2010 i prodotti sotto i 6 euro rappresentavano a valore i due terzi del mercato; oggi l'inversione di tendenza, con gli over 6 euro al 60% delle vendite. In poco più di 10 anni la crescita del segmento di fascia alta, che vale ora 1,9 miliardi di export, è stata del 200%. Si sta quindi assistendo a “un cambiamento importante del posizionamento del nostro prodotto - precisa l'ad di Veronafiere, Maurizio Danese - il mondo chiede calici in grado di evocare l'italianità e noi abbiamo le potenzialità di assecondare al meglio questa richiesta di mercato. Il futuro dei nostri rossi passerà anche, necessariamente, dalle piazze emergenti asiatiche, tornate in forze a questo Vinitaly a partire dalla Cina. Dal Dragone sono infatti 130 i top buyer che ospitiamo, a cui si aggiungono operatori della domanda provenienti da 17 Paesi dell'Asia”.