Controllo di gestione, consulenza alle Pmi e gestione della crisi aziendale. Questi gli ambiti in cui lo Studio Cavallini & Partners (a Pontedera) è specializzato, oltre a quello commerciale e di consulenza fiscale. Questa realtà è nata quasi 10 anni fa su iniziativa di Sabrina Cavallini, che da 25 anni offre consulenza alle imprese, autrice del testo “L’azienda sana va lontana”.

Sabrina, può una fragilità finanziaria mandare all’aria l’intero comparto industriale?

«No. Il crollo del sistema finanziario mondiale ha solo fatto emergere i limiti di un modo inadeguato di fare impresa. Tante aziende sono apparentemente in salute, la loro vera condizione è precaria ma latente. Per questo prevenzione e innovazione diventano fondamentali per la sopravvivenza delle aziende».

Il 12 gennaio 2019 il Governo ha approvato il Codice della crisi d’impresa e dell’insolvenza, introducendo due obblighi: l’autovalutazione e la presenza di un adeguato assetto organizzativo, amministrativo e contabile. Cosa ne pensa?

«L’obiettivo è ridurre il numero dei fallimenti, forti del fatto che, se le aziende in crisi fossero prese in carico un anno e mezzo prima di arrivare al default, almeno il 30% di esse si salverebbe».

Cosa fare per capire se c’è una crisi in corso?

«Indagare ogni tre/sei mesi il bilancio analitico e prospettico. Occorre verificare che il sistema amministrativo-contabile dell’azienda sia adeguato a rappresentare tempestivamente fatti di gestione e informazioni di bilancio. Se così non fosse, bisogna correre ai ripari».

studiocavallini@studiocavalliniepartners.it
www.studiocavalliniepartners.it