Martedì 28 Maggio 2024

L’uovo di cioccolato, origini del dolce più famoso

Alla scoperta della sua storia e di chi l'ha inventato

Il dolce più atteso dell'anno, l'uovo di Pasqua

Il dolce più atteso dell'anno, l'uovo di Pasqua

Quella di regalare un uovo di cioccolato è probabilmente la tradizione più nota e amata delle festività pasquali, ma chi ha inventato l’uovo di Pasqua come lo conosciamo oggi? Secondo alcune fonti per l’invenzione dell’uovo di Pasqua bisogna tornare indietro fino al Settecento e, precisamente, alla corte di Luigi XIV di Borbone, meglio conosciuto come il Re Sole, che avrebbe commissionato al proprio maitre chocolatier di corte delle uova fatte di crema di cacao per celebrare la Pasqua. Ma come spesso avviene per quelle invenzioni che hanno avuto un certo rilievo nella storia, in tanti ne rivendicano la paternità e l'uovo di Pasqua non fa eccezione: gli inglesi indicano quale inventore dell'uovo di cioccolato John Cadbury che, nel 1842, miscelò e modellò del cioccolato a forma di uovo come dolce dono pasquale e, alla fine dell’800, iniziò la commercializzazione della versione con sorpresa, mentre si dovrà attendere il 1905 per la versione con cioccolato al latte. Ma tra francesi e inglesi chi sembrerebbe avere la meglio, in questa particolarissima attribuzione di paternità, sarebbe proprio un italiano, o meglio, un'italiana: tal vedova Giambone, titolare di una piccola cioccolateria in Via Roma a Torino. Nel 1725 la signora ebbe l’idea di riempire i gusci vuoti delle uova di gallina con del cioccolato fuso e miele; il risultato fu così piacevole che decise poi di esporli nella vetrina della sua bottega, le uova di cioccolato ebbero talmente successo da diventare una vera e propria tradizione destinata a conquistare tutto il mondo.