Martedì 11 Giugno 2024

Nell’universo del gusto in fiera entrano ben 50 Paesi del mondo

HostMilano, la piattaforma leader mondiale per l'ospitalità professionale, si rafforza con oltre duemila espositori da 50 Paesi. Un'occasione per fare business 'mondo su mondo' e scoprire le ultime tendenze in Ricerca & Sviluppo.

Nell’universo del gusto in fiera entrano ben 50 Paesi del mondo

Nell’universo del gusto in fiera entrano ben 50 Paesi del mondo

Oltre duemila espositori provenienti da ben 50 Paesi nel mondo. Bastano solo questi numeri a definire l’importanza della rassegna che si apre oggi a Milano e che si rafforza come la piattaforma leader mondiale per le macchine, tecnologie, semilavorati, format, accessori e servizi per l’ospitalità professionale, il fuori casa e il retail. I dati e i fatti dimostrano l’efficacia del concetto di ’HostMilano’ che si presenta al mercato con numeri paragonabili all’edizione del 2019.

Oltre all’Italia, i primi cinque Paesi per numero di espositori annoverano Germania, Spagna, Francia e Stati Uniti, che vedono in HostMilano un’opportunità di fare business ‘mondo su mondo’. Seguono Svizzera, Paesi Bassi e Portogallo, cui si aggiungono Turchia e Cina. Tre le macroaree che valorizzano le affinità di filiera tra comparti specializzati: Ristorazione Professionale-Bakery, Pizza e Pasta (38% degli espositori); Caffè-Tea, Bar-Macchine per Caffè-Vending, Gelato-Pastry (42%); Arredo-Tecnologia e Tavola (20%).

Le aziende di tutti i settori incontreranno, oltre a migliaia di operatori professionali, hosted buyer altamente profilati selezionati da Fiera Milano in 75 Paesi di tutti i continenti, in collaborazione con Ice-Ita Agenzia sui mercati di destinazione. Particolarmente rilevanti le delegazioni dalle Americhe (41%), dai Paesi del Golfo e Medio Oriente (21%) e dall’Eurasia (30%).

Solo per citare qualche nome: LinkedIn (Usa), con i suoi programmi di ospitalità aziendale a livello globale; Royal Caribbean Cruise (Norvegia), che vanta una quota del 26,5% del mercato mondiale delle crociere grazie a una flotta di 42 navi; Sodexo (Francia), che offre servizi a 100 milioni di consumatori in 53 Paesi; Minor International Co. (Thailandia), multinazionale della ricettività che gestisce oltre 3.000 strutture in 62 Paesi.

Una leadership che continua a consolidarsi da 43 edizioni grazie alla capacità di presentare e promuovere un’innovazione sostenibile che anticipa il domani in modo proattivo. Ne è una dimostrazione il valore di Smart Label-Host Innovation Award in collaborazione con POLI.design e con il patrocinio di Adi-Associazione per il Disegno Industriale, che in sole sei edizioni si è evoluto da riconoscimento a ecosistema che valorizza il crescente investimento in Ricerca & Sviluppo: a Host l’area dedicata Smart Label permetterà infatti di toccare con mano i 26 prodotti premiati.

Tra le tendenze anticipate in passato e oggi di stretta attualità si segnalano lo sviluppo della ristorazione veloce e le occasioni di consumo sempre più sfumate – brunch in settimana, insalate e bowl – e i margini di crescita nell’alto di gamma e nella cucina fusion, con i consumatori che desiderano vivere esperienze sempre più multisensoriali guardando a qualità e design.