Consorzio vini abruzzo

PESCARA, IL MONTEPULCIANO d’Abruzzo rappresenta oltre l’80% del totale dei vini a denominazione prodotti nella regione con un volume di imbottigliato pari a 685.000 ettolitri, tra i più diffusi nel mondo, soprattutto in Germania (17%), Usa (11%) e Canada (10%). Sono i dati emersi dal forum organizzato dal Consorzio di tutela vini d’Abruzzo a Pescara, a corollario del riconoscimento giornalistico internazionale «Words of Wine-Parole di Vino», la cui premiazione si è tenuta al museo delle Genti d’Abruzzo. Quasi 100 i lavori vagliati da un Comitato tecnico di personalità del mondo dell’arte e della cultura. «Il premio giornalistico assume quest’anno un valore particolare, perché si inserisce nei festeggiamenti del 50° anniversario della denominazione Montepulciano d’Abruzzo – ha detto il presidente del Consorzio, Valentino Di Campli –. Siamo felici di aver riscontrato da parte della stampa un vivo interesse per questo vino». Nell’edizione 2018 il premio per la stampa periodica è stato assegnato a Emanuele Gobbi, giornalista della rivista Spirito di Vino; quello per la stampa quotidiana a Davide Eusebi di Qn-il Resto del Carlino per «l’originalità e la completezza del racconto», mentre a Tom Muller di Forbes è stato assegnato il riconoscimento per la stampa on line. Premiato anche Giorgio D’Orazio, giornalista abruzzese indipendente che collabora con Il Centro e le Guide di Repubblica, occupandosi di cultura ed enogastronomia.